Rita Calore è morta a 73 anni: era la madre di Ilaria e Stefano Cucchi

0
830
Rita Calore morta
Dalla pagina FB ufficiale di: Ilaria Cucchi

Rita Calore morta, era la madre di Ilaria e Stefano Cucchi. Donna che per una vita ha combattuto al fine che venisse riconosciuto l’omicidio del figlio. Scompare dunque, dopo aver prima però ottenuto giustizia. Si spegne all’età di 73 anni, gli ultimi passati a lottare, oltre che per il figlio, contro la malattia. Una donna simbolo di lotta e di speranza, una madre prima di tutto. Che come ogni madre farebbe ha lottato fino alla fine per suo figlio Stefano, per la verità, per la giustizia. Oggi con lei scompare una grande donna, simbolo dell’amore materno.

Ti consigliamo come approfondimento – Genitori Cucchi in ospedale dopo un frontale con pirata della strada: “Chi ha visto parli”

Rita Calore morta: la malattia e la triste notizia

Rita Calore morta
Dalla pagina FB ufficiale di: Ilaria Cucchi

Rita Calore aveva 73 anni, ed è morta questa mattina. Nota alle cronache nazionali e internazionali per essere stata la madre di Stefano e Ilaria Cucchi. Simbolo di una lotta in cerca di giustizia per il figlio, scomparso il 22 ottobre 2009, mentre si trovava in custodia cautelare a Roma. Era malata di cancro da qualche anno. Così, dopo aver lottato per la giustizia del figlio, si è ritrovata a combattere contro la sua malattia. Purtroppo non è riuscita a vincerla questa, ma ha vinto la battaglia, per lei, più importante. Quella che lo scorso 4 aprile ha visto la corte di Cassazione condannare in via definitiva i carabinieri che hanno ucciso suo figlio. Si spegne dunque, vittoriosa e fiera.

Ti suggeriamo come approfondimento – Castellammare incidente: ragazzo di 30 anni muore sotto gli occhi della fidanzata

Rita Calore morta: una vita passata a lottare

Rita Calore morta
Dalla pagina FB ufficiale di: Ilaria Cucchi

Non si è mai fermata Rita Calore, non ha mai smesso di lottare. Non è indietreggiata di un passo da quel 22 ottobre 2009 che le è strappato suo figlio. Lo ha perso a Roma, dietro le grate di una cella, in custodia cautelare. Lei però non ha ceduto, ha trovato dentro di se la forza di combattere e di ottenere giustizia. Così è stato il 4 aprile, quando i carabinieri Alessi Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, sono stati condannati, in via definitiva, dalla Corte di Cassazione, a dodici anni di reclusione. Una giornata che ha segnato la fine di anni fatti di depistaggi e false testimonianze. Una giornata che ha segnato la vittoria della giustizia e della verità.

Ti suggeriamo come approfondimento – Dopo gli alpini a Rimini e le presunte molestie all’Eurovision: consigli su come difendersi

Rita Calore morta: le ultime parole pubbliche per il figlio

Rita Calore morta
Dalla pagina FB ufficiale di: Ilaria Cucchi

“Finalmente è arrivata la giustizia dopo tanti anni“. Così Rita Calore si esprimeva in quel 4 aprile dopo la sentenza emersa dalla Corte di Cassazione. “Almeno nei confronti di chi ha picchiato Stefano causandone la morte”. Parole che Rita Calore aspettava di pronunciare da tempo. Parole che non le hanno ridato indietro il figlio ma quantomeno la speranza nella giustizia. Ora Rita non c’è più ma il ricordo di lei e della sua lotta è diventato storia. Così come storia è diventata la morte di Stefano Cucchi. Una vicenda che ha scosso così tanto gli animi delle folle che hanno dimostrato il loro sostegno anche alle urne. Ilaria Cucchi infatti il 26 settembre è stata eletta Senatrice. Simbolo di una realtà che non va dimenticata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattordici − 8 =