Robot al posto degli uomini: l’apocalisse del lavoro è iniziata

0
317

Non è un momento facile per Deutsche Bank. La banca tedesca con sede a Francoforte sul Meno, in Germania, è in sofferenza economica. Tra le proposte per ottimizzare e abbattere i costi c’è quella di sostituire l’uomo con i robot. Nell’epoca dell’automatizzazione di massa, le esigenze economiche passano in primo piano. Si prospetterebbe un taglio di circa 18.000 dipendenti. Questi saranno sostituiti dalla tecnologia, per quella che viene definita dalla banca una “trasformazione radicale”.

Ti consigliamo come approfondimento – Tasse assurde: ecco le più strane in giro per il mondo

Deutsche Bank: via i dipendenti, entrano i robot

robotIl principio è economicamente valido: ridurre i costi e aumentare la produttività. Per questo la Deutsche Bank vorrebbe impiegare algoritmi e intelligenza artificiale sostituendo gli impiegati.

Al Financial News, il direttore delle operazioni nel settore degli investimenti, Mark Matthews, ha spiegato come i robot riescano a soddisfare le operazione di back office efficientemente. Il back office è parte essenziale di un istituto di credito, anche se non è quella più evidente all’occhio del cliente. Saranno proprio le attività “interne” a essere automatizzate, come ad esempio le compensazioni bancarie. Deutsche Bank ha battezzato la propria manovra di digitalizzazione “Operation 4.0”.

Ti consigliamo come approfondimento – Tasse, arriva il “novembre nero”: erario pronto a incassare 55 miliardi

Ridurre i costi e aumentare la produttività: i robot sono più efficienti

robot Le previsione dei tagli sono numericamente importanti: dalle 9.000 fino alle 18.000 unità. Il numero dei dipendenti diminuirà costantemente. I vertici definiscono l’organizzazione troppo manuale, quindi lenta e soggetta a errori umani. Deutsche Bank prevede di investire 13 miliardi di euro in tecnologia in tre anni. Una cifra considerevole che va a unirsi ai “costi di ristrutturazione”: svalutazioni e indennità di licenziamento, stimati in 7,5 miliardi nel triennio. La banca però non è nuova ai tagli.  Sono stati liberati già oltre 4.000 posti di lavoro dallo scorso anno e circa 1.000 da luglio.

D’altra parte, però, i robot libererebbero un capitale che si aggirerebbe sui 5 miliardi di euro, quantomeno a partire dal 2022. Inoltre per Deutsche Bank l’intelligenza artificiale assicurerebbe una maggior efficienza delle divisione corporate e maggiori controlli nel ramo degli investimenti.

Ti consigliamo come approfondimento – Franken Bräu, allerta alimentare: la birra tedesca ritirata dal mercato

I robot che sostituiranno l’uomo: le due figure addette alla “Operation 4.0”

intelligenza artificialeL’uomo e i robot iniziano a conoscere le difficoltà della coesistenza, soprattutto in ambito economico e occupazionale. L’istituto tedesco, oltre ai tagli che sono al vaglio, pensa a una riqualificazione dei dipendenti che resteranno. Più smart, più tecnologici, in grado di utilizzare strumenti digitali e di conoscere la programmazione e il pensiero computazionale.

Sono state definite le due figure che dovrebbero occuparsi del ricambio tecnologico e organizzativo. La prima sarà lHead of technology, data and innovation Bernd Leukert, che si occuperà dei robot. Invece, la gestione dei dipendenti sarà affidata al nuovo Chief transformation officer, l’italiano Fabrizio Campelli.

Per quanto riguarda il mondo del lavoro, forse si è giunti a un’apocalisse tanto temuta. L’uomo è quasi totalmente sostituibile, almeno per ora, nel sistema economico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here