Pedopornografia, genitori violentavano i figli e si scambiavano i video: arrestati!

0
148
Roma genitori violentano figli

Roma genitori violentano figli e riportavano le proprie “gesta” sulla chat Telegram chiama “Famiglie da Abusi”. La sconcertante storia è stata rilanciata dal quotidiano online Fanpage.it e vede coinvolti una serie di genitori che si scambiavano foto e video che documentavano le violenze sessuali riguardanti i loro stessi figli.
Nel sopracitato gruppo c’era anche chi cercava consigli su come presentare ai bambini e agli adolescenti gli atti sessuali come semplici giochi.

Ti consigliamo come approfondimento – Pedopornografia, sgominata rete italiana: 26 indagati. Arrestato anche un sacerdote

Roma genitori violentano figli: le persone coinvolte

Roma genitori violentano figliFamiglie da Abusi.
Così si chiamava la chat Telegram dove alcuni genitori avrebbero condiviso tramite foto e video il risultato delle violenze sessuali sui propri figli. Da come si apprende da Fanpage, le vittime hanno un’età ricompresa tra i 2 e i 15 anni. La Polizia Postale, tuttavia, dopo una serie di accertamenti, è riuscita ad arrestare cinque persone e a denunciarne altre tre.
Diverse sono le persone finite in manette.
Ci sono quelli che verrebbero definiti degli insospettabili, è il caso di un padre di famiglia romano, ma ci sono anche dipendenti pubblici, come il comunale napoletano, e degli imprenditori, qual è l’uomo residente a Bologna.

Ti consigliamo come approfondimento – Prete pedofilo arrestato: sul suo computer c’è materiale pedopornografico

Le indagini

latina tentato omicidio, Roma genitori violentano figliSempre come si apprende da Fanpage, il lavoro degli inquirenti è stato davvero meticoloso; man mano che gli specialisti raccoglievano prove su coloro che appartenevano al gruppo venivano arrestati.

Gli inquirenti hanno così commentato le indagini:
La ricerca di elementi di prova a carico dell’imprenditore ha confermato l’impianto investigativo teorizzato; emergeva la condivisione da parte dell’indagato di un video autoprodotto, che vede il coinvolgimento di un minore appartenente al nucleo familiare. L’inchiesta è infine arrivata a Brescia e Messina, scoprendo altri due genitori pedofili; condividevano materiale che documentava gli abusi messi in atto all’interno del nucleo familiare. È stata denunciata anche una mamma che, al corrente degli abusi tra le mure domestiche, non avrebbe fatto nulla per impedirli”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici − quindici =