Roma, i manifesti per il 25 aprile vandalizzati con simboli nazisti e scritte oscene

0
136
Roma manifesti 25 aprile
Fonte Agi

Roma manifesti 25 aprile vandalizzati con simboli nazisti a Roma. Offese gravi alla memoria della Resistenza, con scritte come ‘Siegh Heil’ e disegni osceni. Solidarietà e condanna da autorità e comunità. Richieste di azioni preventive contro l’intolleranza e il razzismo.

Ti consigliamo come approfondimento-Una sentenza della Cassazione potrebbe permettere di annullare quasi tutte le multe degli autovelox

Roma manifesti 25 aprile vandalizzati

Atto di vandalismo scioccante rinvenuto a Roma. Ignoti hanno deturpato manifesti celebrativi del Ministero della Difesa e del comune di Roma in vista del 25 aprile, Festa della Liberazione dal nazi-fascismo. I manifesti, con scritte quali ‘Siegh Heil’ e disegni di simboli nazisti sono stati affissi su muri pubblici. Il quartiere Appio-Tuscolano, in via Matera, zona San Giovanni, è stato il luogo di questo atto vandalico. I manifesti deturpati si trovavano su un muro che circonda un istituto religioso, sede di una scuola dell’infanzia e di un’università. La scritta ‘Onore alla RSI’ (Repubblica Sociale Italiana) seguita dalla parola ‘Negri’ accompagnata da un disegno osceno è stata una delle offese più gravi ai valori della Resistenza e della lotta contro il nazismo.

Ti consigliamo come approfondimento-Il prezzo del gas rimane stabile ma guerre e transizione ecologica potrebbero causare aumenti

Roma manifesti 25 aprile, ma anche altri manifesti

hitler albero natale, Napoli neonazisti No VaxAnche manifesti riguardanti eventi culturali sono stati presi di mira. Il grande manifesto che annuncia il concerto della band La Sad, previsto per giugno nell’ambito della rassegna RockinRoma, è stato deturpato con la croce uncinata. Simboli nazisti e l’inneggiamento al nazismo sono apparsi anche sul manifesto del concerto del rapper napoletano Geolier, secondo classificato al Festival di Sanremo di quest’anno con il brano ‘I p’ me, tu p’ te’. Sul manifesto, in maiuscolo, si legge ‘Terrone’, seguito dalla lettera ‘N’ con carattere runico. Di fronte a questi episodi, il Codacons ha sollevato la questione della necessità di misure preventive per contrastare l’intolleranza e il razzismo. L’associazione ha sottolineato l’importanza di una maggiore sorveglianza e vigilanza sul territorio. Bisogna promuovere valori di inclusione e rispetto. L’ANPI ha chiesto una maggiore sensibilizzazione sui temi della storia e della memoria, soprattutto tra i giovani, affinché episodi come questi non si ripetano.

Ti consigliamo come approfondimento-Censura in Rai, cosa sta succedendo davvero? Facciamo il punto della situazione

Roma manifesti 25 aprile: atti vergognosi

hitler albero natale,Questi atti vandalici offendono la memoria della Liberazione e delle vittime del nazismo. Inoltre, rappresentano un pericoloso segno di intolleranza e odio nella società contemporanea. È essenziale che le istituzioni e la comunità nel suo insieme si uniscano nella lotta contro il razzismo e l’estremismo. La solidarietà e l’indignazione di fronte a queste azioni sono palpabili. Si spera che l’identificazione e la punizione dei responsabili avvenga al più presto. La difesa dei valori democratici, della memoria storica e della convivenza civile deve essere al centro delle nostre azioni e delle nostre istituzioni. In un momento in cui il mondo affronta sfide di divisione e odio, è fondamentale ribadire il nostro impegno per una società inclusiva, rispettosa e tollerante. Solo attraverso la consapevolezza, l’educazione e la determinazione nel contrastare l’odio possiamo costruire un futuro migliore per tutti.