Rudy Guede interviene: “Sono Innocente. Io e la Knox sappiamo la verità.”

0
1268
Rudy Guede interviene

Rudy Guede interviene dopo la scarcerazione, ribadendo la propria innocenza. Il giovane ha anche risposto alle accuse della Knox. Inoltre, ha rivolto un appello alla famiglia di Meredith, chiedendo scusa per non averla salvata.

Ti consigliamo come approfondimento-Rudy Guede torna libero. Era l’unico condannato per l’omicidio Kercher

Rudy Guede interviene dopo la scarcerazione

Fonte Ansa

Rudy Guede, dopo la scarcerazione, ha parlato dell’omicidio di Meredith. Il giovane ha ribadito la propria innocenza. Guede ha detto: “La prima cosa che voglio dire è rivolta alla famiglia di Meredith, ovvero quanto io sia dispiaciuto per la perdita che hanno dovuto subire. Ho scritto loro una lettera per spiegare quanto sia dispiaciuto, ma è troppo tardi per chiedere scusa di non aver fatto abbastanza per salvare Meredith. Il tribunale ha accertato il fatto che ho cercato di salvarla tamponando le ferite con degli asciugamani. Il tribunale mi ha condannato per complicità nell’omicidio perché c’era lì il mio Dna. I documenti dicono che vi erano altre persone e che non sono stato io a infliggere le ferite fatali. Avevo le mani insanguinate perché ho cercato di salvarla, non di ucciderla. Io so la verità e anche Amanda Knox, la conosce”.

Ti consigliamo come approfondimento-Sollecito e Knox vs Guede: “A causa sua rischiavamo 30 anni di carcere”

Rudy Guede interviene, la famiglia Kercher sconvolta

Sollecito e Knox contro GuedeLa notizia della sua scarcerazione però ha anche causato la dura reazione della famiglia Kercher. Infatti, il fratello di Meredith, Lyle, ha commentato l’accaduto: “Sapevamo che questo giorno sarebbe venuto. Ma il fatto che sia arrivato all’improvviso e senza che fossimo avvertiti ci ha colto alla sprovvista.” Il processo dell’omicidio di Meredith Kercher è stato lungo e ha portato alla condanna di Raffaele Sollecito, Amanda Knox e Rudy Guede. I primi due vennero assolti e scarcerati, mentre Guede è rimasto in carcere fino all’anno scorso. Il giovane nigeriano nell’ultimo anno era stato affidato ai servizi sociali. In questi anni, Guede ha conseguito una laurea e ha sempre ribadito la sua estraneità ai fatti. Inoltre, il giovane si è dedicato moltissimo ad attività sociali per il prossimo anche in carcere.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due + 6 =