Rudy Guede torna libero. Era l’unico condannato per l’omicidio Kercher

0
30
Fonte Ansa

Rudy Guede torna libero: l’unico condannato per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher è stato scarcerato. Il giovane nigeriano di 34 anni ha ottenuto un ulteriore sconto di pena sui 16 anni di reclusione della condanna ed è finalmente libero.

Ti consigliamo come approfondimento-Omicidio suicidio Sassuolo, una testimone rivela sconvolgenti minacce

Rudy Guede torna libero: ulteriore sconto di pena

Fonte Ansa

Rudy Guede, il giovane nigeriano condannato per l’omicidio di Meredith Kercher, è uscito dal carcere. Il magistrato di sorveglianza in merito alla buona condotta del giovane in carcere ha accettato la richiesta di sconto della pena. Infatti, il giovane di 34 anni, dopo aver ottenuto precedentemente uno sconto di mille e cento giorni, ne ha ottenuto altri 45. Guede doveva essere, infatti, scarcerato il 4 gennaio 2022. La notizia della sua scarcerazione è stata data dal suo avvocato Fabrizio Ballarini. Il quale ha detto: “Rudy è stato scarcerato per fine pena. Il magistrato di Sorveglianza di Viterbo gli ha concesso la liberazione anticipata in base all’articolo 54 dell’ordinamento penitenziario. L’ufficio esecuzione ha emesso l’ordine di scarcerazione”. Il giovane nigeriano adesso vorrebbe essere dimenticato e per il momento ha rifiutato di essere intervistato dagli emittenti televisivi.

Ti consigliamo come approfondimento-Matias ucciso dal padre, zio irrompe in ospedale per farsi giustizia da solo

Rudy Guede torna libero: condannato nel 2010

scuola ponte morandiRudy Guede venne condannato nel 2010 a 16 anni di reclusione nel carcere Mammagialla di Viterbo. Per l’omicidio di Meredith Kercher, inizialmente, vennero anche condannati Amanda Knox e Raffaele Sollecito. I due ragazzi, in seguito assolti, fecero loro il nome di Guede. Il giovane nigeriano venne condannato per direttissima con l’accusa di concorso in omicidio e violenza sessuale. Guede da un anno era stato affidato ai servizi sociali e dal 2019 godeva di una semilibertà. Il giovane si è sempre dichiarato innocente in questi anni di detenzione. Inoltre, qualche anno fa, scrisse: “il lavoro in carcere non è solo un valore e mezzo fondamentale di reinserimento, ma è anche necessità”. Durante questi anni il giovane si è dedicato a molte attività per il sociale e si è laureato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto + cinque =