Prete si barrica alle Poste perché rifiuta il Green Pass: arrivano Carabinieri

0
231
sacerdote chiuso ufficio postale

Sacerdote chiuso ufficio postale perché si rifiuta di mostrare il Green Pass. È successo a Bolano, in provincia di La Spezia, intorno alle dieci di questa mattina, martedì 1 febbraio. Ora rischia la denuncia per interruzione di pubblico esercizio. Il parroco in questione, inoltre, era già noto per alcune sue scelte sbandierate in passato.

Ti consigliamo come approfondimento – Insegnante si da fuoco: si ipotizza per protesta contro il Super Green Pass

Sacerdote chiuso ufficio postale: intervengono i Carabinieri

prete arrestato abusiComune di Bolano, in provincia di La Spezia. Questa mattina, intono alle 10:00, un punto di Poste Italiane è stato scombussolato dalla presenza di un uomo. Questi è Piero Corsi, un sacerdote. Il don, giunto all’ufficio postale, si è categoricamente rifiutato di mostrare il Green Pass, pretendendo di poter usufruire ugualmente dei servizi della Posta. I tentativi degli impiegati per convincerlo a seguire le procedure standard delle Poste sono stati inutili. Il parroco è risultato irremovibile, ostacolando anche il fluire della coda d’attesa. Alcuni clienti si sono persino offerti di saldare le sue bollette, quindi svolgendo il suo compito, ma anche qui il prete ha scosso la testa. Il suo vero e proprio tentativo di barricamento all’interno dell’ufficio postale ha costretto l’intervento dei Carabinieri. Questi sono riusciti a farlo uscire. Non è la prima volta che Don Corsi si è mostrato in azioni anticonformiste. Nel 2013 aveva additato le donne come vere colpevoli dei femminicidi affiggendo un post alla bacheca della sua chiesa.

Ti consigliamo come approfondimento – No Vax Over 50: da domani via alle multe, dal 15 anche sul posto di lavoro

Obbligo vaccinale in vigore da oggi: multe agli sprovveduti di Green Pass

over 50 vaccino,Scatta oggi l’obbligo di vaccinazione per la popolazione che d’età supera i 50 anni. Questa è la decisione adottata dal governo italiano. L’Agenzia delle Entrate multerà i No Vax con sanzioni di 100 euro, ma i veri problemi inizieranno dal 15 febbraio. Da quel giorno, infatti, gli over 50 sprovvisti di Super Green Pass non potranno recarsi al luogo di lavoro. Saranno considerati come assenti ingiustificati e potranno ricevere multe dai 600 ai 1500 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto − 13 =