Mascherine all’aperto in Campania, Salvini contro De Luca: “È un ducetto”

0
144
Salvini De Luca

Salvini De Luca è scontro. Il leader della Lega ha commentato la decisione del presidente di mantenere l’obbligo della mascherina anche all’aperto. “La gente ha disposizioni diverse, ha vita diversa, non mi sembra normale.” 

Ti consigliamo come approfondimento – Variante Delta, maxi focolaio a Maiorca: sono 850 al momento i contagiati

Salvini De Luca: le critiche 

lega coprifuoco, Salvini De Luca
Matteo Salvini, dal suo profilo Twitter

Secondo le disposizioni nazionali, il 28 giugno cadrà l’obbligo di mantenere la mascherina all’aperto. Sarà comunque necessario mantenerla rigorosamente nei luoghi al chiuso. Tuttavia con una recente ordinanza, il presidente De Luca ha dato predisposizioni diverse per la Campania. Resterà soltanto in questa regione ancora obbligatoria anche all’aperto. Una decisione che è stata recentemente criticata dal leader della Lega. “Mi dispiace per i campani. Non si capisce perché a Roma, a Reggio, a Treviso e a Siena ci sia una regola approvata dalla comunità scientifica, di libertà, di sorriso, di respiro per tutti. Invece laddove c’è il ducetto De Luca la gente ha disposizioni diverse, ha vita diversa, non mi sembra normale.” Sulla questione si è espresso anche il sindaco di Napoli. De Magistris avrebbe infatti definito le ordinanze di De Luca come “illogiche e manifestamente dannose” ed un “viziato eccesso di potere”. 

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca riparte con le restrizioni: mascherina obbligatoria e alcolici vietati

Mascherine all’aperto: le dichiarazioni di Speranza 

Speranza accusa pm, salvini de Luca
Dalla pagina Facebook del ministro Roberto Speranza

Anche il ministro della Salute Speranza non si è potuto esimere dall’esprimere le sue dichiarazioni a riguardo. Il ministro si trovava in visita a Napoli per l’inizio della campagna elettorale del candidato a sindaco Gaetano Manfredi. “Abbiamo ancora bisogno di cautela, di prudenza, di fare tutto il possibile. Soprattutto rafforzare ancora la campagna di vaccinazione.” L’augurio di Speranza è stato quello di lavorare insieme. “Lo stato, le istituzioni, il governo, i commissari, i presidenti di Regione, chi amministra a livello territoriale. Dobbiamo lavorare insieme perché c’è un solo avversario che è il virus.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto − 2 =