Saman Abbas: arrestato un cugino in Spagna, presunto coinvolto nel caso

0
731
saman abbas cugino arrestato
Fotografia di Saman Abbas: YouTube

Saman Abbas cugino arrestato con l’accusa di sequestro di persona, omicidio e occultamento di cadavere. Si tratta di Nonamhulaq Nonamhulaq, fino a poche ore fa latitante. A mettergli le manette ai polsi è stata la Polizia di Barcellona, facente parte della Collaborazione Internazionale.

Ti consigliamo come approfondimento – Saman Abbas, il giallo continua: a chi appartengono le ossa nei sacchi?

Saman Abbas cugino arrestato in Spagna

reinserimento detenutiLa latitanza di Nonamhulaq Nonamhulaq è iniziata il 10 maggio 2021 e si è conclusa quest’oggi, lunedì 14 febbraio 2021 con l’arresto. Il mandato per le manette è scattato per ordinanza europea. È stato trovato in un appartamento nella periferia di Barcellona, sulla costa sud-orientale della Spagna. Le autorità spagnole si trovano ora in uno stato d’attesa: serve una convalida, infatti, per procedere con l’estradizione e la consegna in Italia. I tempi non sono ancora certi. Potrebbero volerci pochi giorni o forse mesi, com’è accaduto nel caso dello zio Danish Hasnain. Nonamhulaq Nonamhulaq è indagato per il sequestro di Saman Abbas, l’omicidio e l’occultamento del cadavere della ragazza. È il terzo membro della famiglia della scomparsa a finire dietro le sbarre.

Ti consigliamo come approfondimento – Caso Abbas, lo zio nega tutto: “Mi hanno incastrato. Il vero colpevole è…”

Saman Abbas cugino arrestato, ma il colpevole è un altro?

consiglio di stato, processo ciro grilloSi sta facendo di tutto per far rientrare Nonamhulaq Nonamhulaq nel territorio italiano, eppure manca qualcuno all’appello. Si tratta dei genitori di Saman, che sono corsi a rifugiarsi in Pakistan, loro terra natia, dieci giorni dopo la scomparsa della 18enne. E in proposito, lo zio della vittima, Danish Hasnain, ha dichiarato che il vero colpevole della sparizione dell’adolescente è il padre della ragazza. Come riferisce l’avvocato difensore, Shabbar Abbas è comproprietario di alcune terre in Pakistan con Danish. Se quest’ultimo venisse condannato definitivamente, il terreno spetterebbe di diritto a Shabbar. Danish, però, non avrebbe sfiorato neanche con un dito la giovane Saman. Ha raccontato di avere ottimi rapporti con lei e, proprio per questo motivo, al tempo aveva pensato che si fosse allontanata di sua spontanea volontà.