San Gennaro compie miracolo: sciolto sangue. De Magistris: “È con noi!”

0
158
sangue san gennaro sciolto
Fonti: ampolla del sangue di San Gennaro dalla pagina Facebook Chiesa di Napoli, Statua di San Gennaro dal sito cappellasangennaro.it

Sangue San Gennaro sciolto – il miracolo tanto atteso dai fedeli è finalmente avvenuto. La liquefazione è avvenuta nel pomeriggio di ieri, domenica 2 maggio, nel Duomo di Napoli. Tanta gioia e sollevazione da parte dei cristiani, che hanno trascorso due interi giorni in assoluta preghiera. Tale evento è visto come buon pronostico, una luce dopo un intero anno di oscurità e dolore.

Ti consigliamo come approfondimento – San Gennaro non fa il miracolo: il sangue non si è sciolto. Brutto presagio?

Sangue San Gennaro sciolto! La paura è finita?

Sangue San Gennaro MiracoloDomenica 2 maggio 2021, ore 17:18 – San Gennaro ha compiuto il miracolo. Sotto gli occhi dei fedeli riuniti nel Duomo di Napoli, è avvenuta la liquefazione attesa per lungo tempo. Sono stati, infatti, giorni di grande preoccupazione per il popolo napoletano. Il sangue si sarebbe dovuto sciogliere sabato primo, poiché immediatamente precedente alla prima domenica di maggio. Ciò non è avvenuto, scatenando nei cristiani la paura di un cattivo presagio. Alla delusione emersa nella gente sono seguite ore e ore di preghiere, un tentativo di riparo al mancato miracolo. E poi, il giorno dopo, è successo ciò che tutti desideravano. A dirigere il vero e proprio evento è stato l’arcivescovo don Mimmo Battaglia, il sostituto dell’ormai pensionato Cardinale Sepe.

Ti consigliamo come approfondimento – Prodigio San Gennaro: il mistero più antico di Napoli tra fede e scienza

Sangue San Gennaro sciolto: cosa rappresenta?

De Magistris presidente Calabria
Dal profilo Facebook ufficiale di Luigi De Magistris

Lo scioglimento del sangue di San Gennaro è un celebre fenomeno religioso per tutti i napoletani devoti al Cristianesimo. A miracolo avvenuto, i fedeli si riuniscono alla Cattedrale per poter pregare e affidarsi al patrono di Napoli. Ciò avviene in tre periodi dell’anno:

  • 19 settembre, ovvero il giorno dell’onomastico del santo;
  • Il primo sabato di maggio;
  • 16 dicembre, in ricordo dell’eruzione del Vesuvio nel Seicento bloccata dallo stesso San Gennaro.

Mostratasi l’ampolla miracolata ai napoletani, non si è potuto fare altro che tirare un sospiro di sollievo. San Gennaro è sempre con noi. Ma ci aspetta un periodo molto duro che ci deve vedere uniti da sentimenti di profonda fratellanza”, è stato il commento di Luigi De Magistris, presente alle preghiere. Ulteriori ospiti speciali sono stati il monsignor Vincenzo De Gregorio e il governatore Vincenzo De Luca.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici − tredici =