Scampia, l’addio alla Vela Verde: così muore un pezzo di degrado

0
126
Scampia
Foto di Melania Cacace

SCAMPIA – 20 febbraio 2020. Cade alle 11.17 il primo squarcio della Vela Verde, e nella polvere si dissolve un pezzo – uno dei tanti – del degrado che macchia questa terra. “Non siamo Gomorra”, si legge sui muri delle Vele. Muri che hanno visto la parte peggiore della società, ma anche quella migliore, quella pulita, che ha voglia di rinascita. Ed è proprio per la riqualifica dell’intero territorio che la Vela A – 45 metri di altezza e 1800 metri quadri di area ricoperta – sarà abbattuta nell’arco dei prossimi 40 giorni. Il progetto è partito già dal 1997, con l’allora sindaco Antonio Bassolino, continuato con la successiva giunta comunale – coordinata da Rosa Russo Iervolino – e in corso tutt’oggi con il sindaco Luigi de Magistris. “Restart Scampia” è il nome di quest’impresa, costata 27 milioni di euro, che vuole riscrivere la storia di Secondigliano.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, detenuti reintegrati nell’ufficio della procura: scoppia la polemica

Scampia, Vela Verde: primo giorno di demolizione

ScampiaSi apre con la partecipazione del “Comitato Vele Scampia“, del movimento “I disoccupati di Scampia”, del sindaco di Napoli Luigi de Magistris e tutti gli abitanti del lotto M, insieme ai tanti del territorio, la distruzione della Vela A, meglio conosciuta come Vela Verde. Introduce Omero Benfenati, attivista del Comitato: “Siamo sulla strada della dignità, della libertà e della grande riscossa popolare. Questo popolo dà un segnale di dignità umana al mondo intero”. Una strada iniziata già quarant’anni fa dal leader del movimento, Vittorio Passeggio, più volte ricordato da Benfenati e dal sindaco con orgoglio.

Oggi è una giornata bella per tutta Napoli – prosegue de Magistris – per tutto il quartiere e per tutto il Paese. Non so quanti possono capire che significa rimanere a vivere in queste case mantenendo la dignità, l’umanità e l’onestà. Bisogna ringraziare queste persone che, lasciate nel degrado da tanti anni, hanno lottato per la giustizia, per i diritti e per una Napoli migliore“.

Ti consigliamo come approfondimento – WhatsApp si tinge di Napoli: il gesto “ma che vuò?” diventa un’emoji

“Restart Scampia”: intervista al sindaco de Magistris

Scampia
Il sindaco Luigi de Magistris – fonte “Facebook”

Sindaco Luigi de Magistris, in cosa consiste e come si strutturerà il progetto “Restart Scampia”?

È un progetto unico in Italia, sostenuto dal Comitato Vele, dall’Università di Napoli Federico II e dal sindaco di Napoli. Prevede l’abbattimento di tutte le vele, tranne una, che verrà riqualificata. È un progetto di rigenerazione urbana che porterà infrastrutture nuove tra scuole, asili nido e impianti sportivi. È una vera e propria rivoluzione in un quartiere che per troppo tempo è stato simbolo – ingiustamente – di Gomorra. È un riscatto del quartiere anche contro i pregiudizi, e una grande lezione di umanità”.

Ti consigliamo come approfondimento – Jago a Napoli: al Rione Sanità arriva il “Figlio Velato”, scultura di tutti

Una storia da riscrivere

scampiaLe sette Vele di Scampia nascono a seguito della legge 167 del 1962 da un progetto dell’architetto Franz Di Salvo.

Gli edifici sono distribuiti in due lotti contigui:

  • M – con le vele A, B, C, D – soprannominate poi come Vela Verde, Vela Gialla, Vela Rossa e Vela Azzurra;
  • L – con le vele F, G e H – già tutte abbattute.

Inizialmente concepito come simbolo di collettività, in un nucleo di socializzazione organizzato in centri d’aggregazione e spazi comuni, il progetto – per varie “vicissitudini” – si è rivelato un fallimento. Restart Scampia vuole dunque riscrivere la storia del territorio, con un percorso di rigenerazione urbana strutturato nell’abbattimento di tre Vele (A, C e D) e una riqualificazione della quarta, quella azzurra, che resterà in piedi. La degna superstite si ergerà come simbolo dello Stato e delle istituzioni, trionfanti sul crimine e sulla malavita. “Quando il vento dei soprusi sarà finito, le Vele saranno spiegate verso la felicità”, urlano gli intonaci stanchi e oggi, per Scampia e per tutta Secondigliano, è un giorno felice.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here