Come scegliere un lavapavimenti: 5 cose da sapere

0
141

Quali sono le cose più importanti da conoscere prima di scegliere una lavapavimenti? In questo articolo troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno per scegliere consapevolmente la tua lavasciuga per pavimenti e come ottenere una detrazione sull’acquisto grazie al bonus mobili.

Esistono varie tipologie di lavapavimenti, quindi sarà necessario considerare le proprie esigenze per capire quale fa al caso nostro. Ad esempio, la superficie da pulire, la presenza di bambini e/o animali domestici e la maneggevolezza.

Cos’è il lavapavimenti?

Il lavapavimenti o lavasciuga pavimenti è un elettrodomestico che in contemporanea assolve all’aspirazione della polvere e al lavaggio del pavimento. Queste 2 incombenze sono generalmente ritenute particolarmente gravose da chi si occupa della gestione della casa, ricorrere ad un aiuto tecnologico può quindi essere una soluzione efficace.

La lavasciuga pavimenti può essere utilizzata su quasi tutti i tipi di pavimenti, dalle piastrelle, al cotto, al gres porcellanato fino al parquet.

Il vantaggio principale di questo elettrodomestico è la possibilità di rimuovere in modo efficace e contemporaneo lo sporco, i peli e i capelli. Il pavimento sarà spazzato, lavato e asciugato molto più velocemente.

In commercio, si trovano molti modelli di lavapavimenti. La differenza principale tra i vari modelli a disposizione risiede nella potenza, ma anche nel design.

5 cose da sapere prima dell’acquisto di un lavapavimenti

I produttori di lavapavimenti consigliano di prendere in considerazione questi 5 elementi prima di procedere all’acquisto di un lavapavimenti.

  1. Capacità effettiva dei contenitori. La capacità indicata e quella reale possono differire. È molto importante quindi capire quale sia la reale capacità dei contenitori di acqua, sia pulita che sporca. Questo fattore ha conseguenze sulla velocità di pulizia, sulle pendenze, sull’autonomia della batteria.
  2. Efficacia dell’asciugatura. Prima di acquistare un lavapavimenti, meglio verificare l’effettiva capacità della macchina di asciugare in rettilineo, ma anche nelle curve a U, in quanto non deve lasciare traccia di bagnato.
  3. La pressione esercitata dalle spazzole. Uno dei dati più complicati da verificare, ma metterlo a confronto tra modelli e marche diverse permette di capire quanta pressione verrà esercitata dalle spazzole sul nostro pavimento. È importante soprattutto in caso di pavimenti delicati.
  4. Capacità di pulizia all’ora. Il dato deve essere calcolato dalla larghezza delle spazzole moltiplicato per la velocità di lavoro della macchina dichiarata dal costruttore. Questo permette di capire, in linea teorica, quanto ci metterà il lavapavimenti a pulire tutta la superficie di casa in base ai metri quadri.
  5. Facilità di pulizia. Come per tutti gli elettrodomestici, un aspetto importante è la pulizia. Quali e quante operazioni di manutenzione sono necessarie per garantire sempre il corretto funzionamento della macchina? Ne vale la pena rispetto al tempo necessario per pulire senza?

Hai già acquistato un lavapavimenti ma stai riscontrando problemi tecnici? In questo approfondimento puoi scoprire la causa e cercare di risolverla.

Come risparmiare con il bonus mobili

Per chi desidera acquistare una lavasciuga pavimenti, c’è una bella sorpresa. Gli elettrodomestici rientrano infatti nel bonus mobili 2022.

L’ultima legge di bilancio ha infatti confermato quanto stabilito dal bonus 2021: è possibile usufruire di una detrazione Irpef del 50% se si acquistano mobili o grandi elettrodomestici di classe A+ e seguenti, a margine della ristrutturazione di un immobile. Il tetto massimo di spesa è stato alzato da 10.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 3 =