Sciopero benzinai, prezzi shock sulla benzina. Iniziano oggi le proteste?

0
1084
Milano tangenziale est bloccata, sciopero benzinai oggi

Sciopero benzinai oggi dovrebbe essere il giorno prefissato dai sindacati per protestare sull’aumento dei prezzi del carburante. In particolare nelle autostrade. I mercati di benzina oggi all’inizio della settimana denunciano i prezzi alle pompe in vertiginoso rialzo. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Sciopero benzinai 28 febbraio, stop gas e benzina. È assalto ai distributori

Sciopero benzinai oggi inizia il temuto stop? 

sciopero benzinai, sciopero benzinai oggi I sindacati dei benzinai nei giorni scorsi avevano mandato una lettera apposita al Governo per denunciare i motivi dello sciopero e la situazione di alta tensione che si registrava del settore del carburante. In particolare si richiedeva una “una riforma sostanziale al settore attraverso lo strumento proprio del Decreto Interministeriale” e si lamentava una grande “preoccupazione per gli sviluppi che hanno preso e ancor più rischiano di prendere le vicende collegate alle concessioni dei servizi presso le aree autostradali”. Per questi motivi la data prefissata per lo sciopero era oggi 28 febbraio. In particolare sarebbero interessate le stazione di benzina presenti sulle autostrade. Al momento però non si registrano reclami riguardo lo stop delle stazioni di benzina. Inoltre diversi benzinai hanno dichiarato di non essere stati contattati da nessun sindacato per mobilitarsi nella giornata di oggi.

Ti suggeriamo come approfondimento – Sciopero camionisti, supermercati a rischio: “Presto gli scaffali saranno vuoti”!

Sciopero benzinai oggi: costo del carburante alle stelle 

Prezzi benzina Napoli, sciopero benzinai oggi Dopo l’inizio della guerra in Ucraina nella giornata di giovedì il prezzo del carburante ha toccato i cento dollari a balire. Un costo che in pochi giorni si è manifestato anche nelle singole stazioni di benzina. Secondo i dati offerti dall’Osservatorio dei prezzi del ministero dello Sviluppo economico, la benzina ha raggiunto un prezzo di 1,87 euro al litro. Il diesel invece si attesta a 1,75 euro al litro. Un aumento di circa tre centesimi nel giro di circa una settimana. Un aumento vertiginoso che secondo le stime potrebbe salire ulteriormente con l’acuirsi e il prolungarsi del conflitto internazionale. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Allarme grano, navi ferme nei porti. Produttori denunciano: “Pasta solo per un mese”!

Sciopero benzinai: si teme anche l’arrivo delle bollette di luce e gas 

bonus bolletta, sciopero benzinai oggi Come un circolo vizioso, il conflitto internazionale causerà ulteriori danni anche nelle bollette degli italiani. L’aumento dei prezzi di gas ed elettricità ha portato il Governo ad adottare un decreto legge per contenere i costi di gas ed elettricità. Con una manovra economica prestabilita circa 5,5 miliardi saranno destinati a misure per contrastare il caro dell’energia e tentare di diminuire, per quanto possibile, la pressione sui singoli cittadini. In un recente intervento il premier Draghi ha parlato anche della possibilità di “riaprire le industrie di carbone. Una soluzione che servirebbe a diminuire la dipendenza energetica che l’Italia ha nei confronti della Russia. Una soluzione che però molte associazioni ambientaliste stanno tentando in tutti i modi di bloccare.