Scudetto Napoli, tifosi in festa in Italia, Europa e nel mondo

0
747
Scudetto Napoli mondo

Scudetto Napoli mondo – Ci sono voluti 33 lunghi anni. Alla fine il Napoli è riuscito a riportare il tricolore all’ombra del Vesuvio. Quello stesso tricolore che mancava dai tempi del Dio del calcio: Diego Armando Maradona. Lo scudetto, vinto dopo un campionato dominato e con un ampio margine sulle rivali, arriva con un pareggio a Udine. A 842 chilometri di distanza da casa. Al triplice fischio nel capoluogo campano scoppia un’autentica bolgia; i tifosi si riversano per le strade in un tripudio per gli uomini di Mister Spalletti. Ma per chi crede che Napoli sia stata l’unica città a essersi tinta d’azzurro si sbaglia di grosso, perché Napoli è in tutti quei napoletani che a malincuore l’hanno dovuta lasciare, che tutt’ora sperano un giorno di poterci ritornare.

Ti consigliamo come approfondimento – Scudetto Napoli, la richiesta dei bambini al loro preside: “Possiamo venire a scuola con i capelli azzurri?”

Scudetto Napoli mondo: Milano, Londra e New York si tingono d’azzurro

Scudetto Napoli mondoE allora non deve meravigliare affatto se centinaia, forse addirittura migliaia di tifosi azzurri hanno conquistato Piazza Duomo a Milano. Cori, bandiere, fumogeni si sono levati all’ombra della Madonnina. Quella piazza, abituata a ben altri colori, si è tinta per una notte e una notte soltanto di un intenso azzurro. Napoli, come è stato detto, è un fenomeno mondiale. Pertanto, ancora una volta, non ci si deve meravigliare nel vedere Londra, New York e Monaco di Baviera colorarsi di quei colori che appartengono al cielo. Per una notte, una notte soltanto.

Ti consigliamo come approfondimento – Ordinanza scudetto Napoli, ipotesi di nuovo stop: strade chiuse da mercoledì sera

Scudetto Napoli mondo: il futuro è domani

Ordinanza scudetto Napoli
Foto dalla pagina Facebook ufficiale dell’SSC Napoli

Mentre gli esperti ragionano e si lanciano in mille spericolate ipotesi su quella che sarà la prossima stagione del Napoli, un popolo figlio del mare, oggi figlio del mondo, si gode – e si godrà – il terzo tricolore che troppo a lungo si è fatto attendere. E no, non sarà per una notte, una notte soltanto.