Scuole aperte fino al 30 giugno e concorso insegnanti. Di Meglio fa il punto

0
208
scuole governo draghi
Foto da pagina social Rino Di Meglio

Scuola governo Draghi – Uno degli obiettivi del nuovo governo Draghi è sicuramente la scuola. Nel programma, come detto anche durante le consultazioni, due punti sono fondamentali: la stabilizzazione degli insegnanti precari e l’allungamento dell’anno scolastico al 30 giugno. Gli insegnanti però non sono d’accordo.

Ti consigliamo come approfondimento -Campania scuole De Luca nuova ordinanza, Unità di Crisi senza verdetto

Scuola governo Draghi, la proposta del prolungamento 

scuola governo draghiMesi prima, l’ormai uscente ministra Azzolina, propose un prolungamento dell’anno scolastico. Dopo vari attacchi la cosa sfumò, adesso la proposta viene dal nuovo presidente del consiglio. Rino Di Meglio, coordinatore nazionale di Gilda Insegnanti, ha però spiegato quanto sia una pessima idea. Di Meglio, in un’intervista a Fanpage.it, spiega che il calendario scolastico è tarato sulle esigenze delle famiglie dalle Regioni; Spiega che l’interruzione scolastica estiva riguarda solo un mese per la presenza degli esami di Stato a luglio. Prolungare l’anno si sposterebbe gli esami ad agosto, una cosa impensabile non solo per le condizioni climatiche ma perché provocherebbe l’insurrezione delle famiglie e degli operatori turistici.

Il prolungamento scolastico, secondo Draghi, sarebbe un modo per recuperare il tempo perduto. Insomma, uno schiaffo a tutto il personale docente e agli alunni che in questi mesi hanno lavorato duro per far funzionare la DAD. “Gli insegnanti – dice Di Meglio – hanno lavorato tantissimo. La didattica a distanza è più pesante di quella normale e richiede più impegno e più tempo“. 

Ti consigliamo come approfondimento – De Magistris contro la chiusura delle scuole: “Non avrebbe senso”

Scuola governo Draghi: Concorso insegnanti 15 febbraio 2021

scuola governo draghiNell’intervista il coordinatore si è espresso anche sull’imminente concorso, bloccato l’anno precedente, programmato per il 15 febbraio. Anche questo, come tutti i concorsi rispetterà le regole del Comitato Scientifico che prevedono il distanziamento di due metri e il tampone non antecedente alle 48 ore dal concorso. Il concorso straordinario, come di consueto, non si svolgerà per tutti nella propria “casa”. I candidati dovranno quindi spostarsi a loro spese e a loro rischio, ma anche tamponarsi a loro spese. “Le persone si spostano a loro spese e con dei disagi, dal ministero non abbiamo ottenuto ancora risposta, anche se lo abbiamo chiesto formalmente, su quali misure debbano seguire i candidati“. Di Meglio conclude con:”C’è preoccupazione, mi sembrano in difficoltà“. 

Alla domanda su cosa il nuovo governo debba concentrarsi, Di Meglio risponde che nella storia del ministero dell’istruzioni in 28 anni ci sono stati solo tre concorsi in tutto per le scuole superiori. “Bisogna risolvere il problema del pericolosissimo numero di precari e quello del reclutamento“. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − 8 =