Scuola, è game over. Parla la Azzolina: “Non riapriamo a maggio”

0
234
studenti scuola alunni liceo istruzione educazione civica

Dopo l’ultimo intervento del ministro dell’istruzione, Lucia Azzolina, è doveroso fare il punto su ciò che sta accadendo nel mondo della scuola. L’ammissione all’Esame di Stato è garantita per tutti, senza l’esclusione dei debiti, che potranno essere recuperati a settembre. L’esame di terza media, invece, sarà sostituito con la redazione e valutazione di una tesina. Esclusa la riapertura a maggio.

Ti consigliamo come approfondimento – Regione Campania, presentato il piano d’emergenza

Scuola, tra riapertura ed esami: cosa cambierà?

scuola

Si va verso l’Esame di Stato online, ma resta la possibilità di una valutazione a scuola. La proposta resta in ballo grazie ai tanti alunni che hanno scritto alla ministra.
Non riapriremo a maggio ma. Sarebbe auspicabile un esame in presenza, ma vedremo se si potrà” ha dichiarato la Azzolina, al Corriere della Sera, in merito alla possibilità di conseguire la maturità in classe.
Ma i cambiamenti effettivi, quali sono? Vediamoli in ordine.

  • Gli alunni delle scuole medie non dovranno affrontare l’esame finale, che sarà sostituito dalla valutazione finale da parte del consiglio di classe di un elaborato redatto dagli studenti, secondo le indicazioni che saranno definite nell’ordinanza;
  • L’esame di maturità potrebbe essere online, gestito dal consiglio di docenti interni, più un presidente esterno; annullate le prove scritte, sostituite da un esame orale di 60 minuti;
  • Per tutti gli altri studenti, sarà garantita l’ammissione, con la possibilità di recuperare le insufficienze a partire dal 1° settembre 2020;

Maturità: c’è la speranza di farla in classe?

scuola

Il ritorno a scuola è escluso per tutti gli alunni, comprese le attività estive. “L’alto rischio di contagio potrebbe farci perdere il lavoro fatto fino ad adesso“,  la parola d’ordine è cautela. Potrebbe esserci l’opportunità di eseguire gli esami da casa, la scelta più sicura per evitare i contagi. Ma c’è sempre la speranza e di poter fare gli esami a scuola, come da tradizione.
Inoltre la ministra ha ribadito che le pagelle saranno vere. Proprio per questo non mancheranno i 4 o 5, che potranno essere recuperati all’inizio di settembre. L’anno prossimo ripartirà, molto probabilmente, in classe.
Inoltre i docenti dovranno lavorare più di prima, in modo da garantire il recupero a tutti gli alunni e iniziare l’anno nuovo. Sono assicurati i concorsi a settembre per i precari perchè è l’unico modo per assumere in questa situazione. Garantito per i genitori dei bambini il prolungamento dei bonus Babysitter.

Ti consigliamo come approfondimento – Decreto “Cura Italia” per salvare le famiglie

Scuola: la situazione europea

Concorso inail senato Asl Napoli
Foto da catania.liveuniversity.it

Anche in Europa la scuola prova a ripartire, ma non tutti sono pronti:

  • In Francia riapertura delle scuole è prevista per l’11 maggio;
  • In Olanda l’esame, previsto a maggio, è già stato annullato;
  • In Danimarca la prima ministra Mette Frederiksen ha fatto rientrare a scuola i bambini del nido e scuola primaria, aumentando le attività all’aperto e facendo rispettare le misure di sicurezza;
  • In Germania il governo ha deciso una riapertura graduale a partire dal 4 maggio, con precedenza ai maturandi;
  • in Norvegia asili e scuole materne riapriranno dal 20 aprile, assieme alle scuole primarie dal primo al quarto anno.
  • In Finlandia, Austria, Bulgaria, Cipro, Grecia e Lussemburgo scuole chiuse fino a maggio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here