Campania, genitori contrari al ritorno della scuola in presenza: “Sì DAD!”

0
125
scuola sì dad

Scuola sì DAD! – questo è l’urlo che parte dai genitori campani. È di pochi giorni fa la comunicazione del ritorno delle lezioni in presenza, ma le opposizioni si sono immediatamente scatenate. “Si torna in classe entro e non oltre il 1° febbraio, così aveva parlato Vincenzo De Luca, facendo le veci del TAR. Si scorgono riaperture anche per le università.

Ti consigliamo come approfondimento – Scuole Campania: Tar dà ragione ai genitori. Superiori tornano in aula

Scuola sì DAD, la rabbia dei genitori

scuola sì dadAd accomunare i genitori sulla scuola sì DAD sono i social network, i quali hanno diffuso in tempi brevi i reclami contro il ritorno in presenza. Su Facebook, in particolar modo, si sono formati dei veri e propri gruppi di protestanti. “Mi domando che hanno vinto!? Quanti nonni devono recarsi a scuola per andare a prendere i nipoti? Questo è tutelare le fasce deboli? I vaccini ritardano, le varianti arrivano, i casi aumentano. […] Nel frattempo tra genitori restiamo in contatto e ci sono casi positivi già da inizio mese tra alunni che frequentano la stessa scuola, insegnanti che a natale si sono ammalati […] Chi vuole studiare lo fa benissimo anche da casa! Questo è solo uno dei tanti messaggi di protesta appartenente a questi gruppi. Questo utente si riferisce a un altro post, pubblicato da qualcuno decisamente più felice della decisione presa dal TAR. Secondo il Tribunale Amministrativo Regionale, la Campania è nelle condizioni di far tornare in presenza anche le scuole superiori, oltre alle medie e alle elementari. La percentuale di studenti che farà ritorno in febbraio “entro il 1° febbraio”, come ha detto De Luca, sarà tra il 50% e il 75%.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania diretta De Luca, arriva il chiarimento sulle aperture delle scuole

Scuola sì DAD, l’avvocato Pavone appoggia il movimento

scuola sì dad
Logo di AIVEC

Il movimento scuola sì DAD è pienamente appoggiata da Pasqualino Pavone, presidente dell’Associazione Italiana Vittime Emergenza Covid (AIVEC). Già da diverso tempo si stava occupando della questione, presentando ricorsi al TAR per evitare la riapertura degli istituti. Ma i risultati, come visto, sono stati scarsi o nulli. L’avvocato e la sua squadra, appoggiati dalla rabbia popolare, faranno dunque ricorso alla Corte Europea contro lo Stato italiano. “Che venga affermata la tutela del diritto alla salute da qualsivoglia pregiudizio derivante dal Covid-19”, queste sono le intenzioni. “La forzata ripresa delle lezioni in presenza, dopo che lo stato di emergenza è stato prorogato fino al 31 aprile prossimo, costituisce grave violazione del principio di precauzione.”

Ti consigliamo come approfondimento – Campania resta in zona gialla: calano contagi ma aumentano focolai

Scuola sì DAD, novità per gli universitari

scuola sì dadNon vengono dimenticate le università. Mentre a Bologna Gaetano Manfredi ipotizza la riapertura per la metà di febbraio, a Napoli parla Lorito, rettore della Federico II. “Per marzo avremo pronti i piani di rientro degli studenti. Partiremo da quelli dei primi anni. In ogni caso l’ateneo non si è mai fermato, l’attività di ricerca non si è mai fermata. Già oggi i nostri studenti possono fare esami, tirocini e sedute di laurea in presenza”, ha assicurato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 + 12 =