Scuolabus gratuito solo alle famiglie con un genitore italiano. Scatta la polemica

0
1465
Scuolabus gratis genitori italiani

Scuolabus gratis genitori italiani: polemica in un comune in provincia di Teramo sul trasporto scolastico. Il comune offre il trasporto scolastico gratuito alle famiglie composte almeno da un genitore italiano. Duri gli attacchi dell’opposizione.

Ti consigliamo come approfondimento-FdI vs Peppa Pig, un personaggio ha due mamme, chiesta la censura: “No ai cartoni gay sulla Rai”

Scuolabus gratis genitori italiani che pagano le tasse

In un comune di Montorio al Vomano, in provincia di Teramo la giunta comunale offre alle famiglie il trasporto scolastico gratuito. Fin qui niente di strano, anche perché è ciò che accade in quasi tutti i comuni italiani. Ma la stranezza sta nel fatto che la giunta comunale come garanzia pretende che almeno un genitore sia italiano. Inoltre, la famiglia deve essere in regola con i pagamenti delle tasse. Per quanto riguarda il secondo aspetto, si può essere più o meno concordi, ma le tasse vanno pagate sempre. Se, invece, ci soffermiamo sulla prima richiesta si può parlare di principi di razzismo. Bisogna sottolineare che spesso è lo stesso Stato che non permette a chi vuole di poter ottenere la cittadinanza. Infatti, molte famiglie extracomunitarie vorrebbero essere a tutti gli effetti riconosciuti italiani ma spesso questo non accade non per colpa loro.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli avvocato Sedu, la quiete dopo il razzismo: “Imparare dalle diversità”

Scuolabus gratis genitori italiani: nota ufficiale della giunta

Dalla pagina Facebook del comune di Montorio al Vomano

Il vice sindaco, nonché assessore alle politiche sociali, ha dichiarato: “Dopo la mensa e l’asilo nido, da quest’anno a Montorio sarà gratuito anche lo scuolabus. È un provvedimento a cui la nostra amministrazione crede molto. Le politiche per le famiglie per noi sono centrali. Il bonus è per i residenti nel Comune di Montorio al Vomano, dove almeno uno dei due genitori abbia la cittadinanza italiana. Oppure uno dei due dei paesi dell’Unione Europea. Possono presentare la domanda i cittadini in regola con il pagamento dei tributi comunali.” Il comune è guidato dal sindaco Fabio Altitonante di FI. Questi ha detto: “I cittadini montoriesi hanno fatto un patto con il Comune. Grazie al pagamento dei tributi comunali noi riusciamo a dare più servizi ai cittadini. Meno degrado, strade riqualificate, nuovi spazi per le famiglie, più aiuti alle giovani coppie, un vero sostegno ai nostri nonni.”

Ti consigliamo come approfondimento-La propaganda colpisce i giovani, Meloni e le devianze: la polemica asfalta la leader FdI

Scuolabus gratis genitori italiani: risposta dell’opposizione

Dalla pagina Facebook della lista Montorio guarda avanti con Eleonora Magno

La reazione dell’opposizione non si è fatta attendere. Infatti, i consiglieri Eleonora Magno e Andrea Guizzetti di “Montorio Guarda Avanti” hanno commentato l’accaduto in una nota. La nota riporta: “Montorio non è questo paese. Qui la convivenza con le comunità immigrate è sempre stata pacifica. Montorio è un paese accogliente. Questa inaccettabile discriminazione colpisce persone che vivono tra noi e con noi da decenni. Lavorano qui e qui pagano le tasse. I loro figli giocano con i nostri figli e siedono vicini di banco nella stessa scuola. La scuola in cui si educa all’inclusione e alla solidarietà. Anche ammesso che siano in regola con il pagamento dei tributi, nessun beneficio sarà concesso alle famiglie non italiane, che si trovino o meno in situazione di bisogno.

Ti consigliamo come approfondimento-Meloni accetta l’invito del papà single: “Tu e Alba siete un caso particolare”

I consiglieri hanno poi concluso: “Come consiglieri di opposizione scriveremo una lettera formale al sindaco per chiedere di ritirare il provvedimentoChiederemo di modificare un regolamento iniquo e discriminatorio. I cittadini di questo paese possono dividersi su tante cose, accalorarsi e schierarsi per visioni politiche diverse. Spero restino uniti sul terreno della civiltà e non permettano che passi senza reazione un provvedimento così ingiusto. Umilia l’intera comunità”.