SegninVersi: a Piazza Mercato ogni serranda è una poesia

0
1684
SegninVersi Bibbiano

La poesia è un linguaggio universale, carico di sfumature e veicolo di emozioni. Di recente, a Napoli, poesia e pittura si sono incontrate per restituire un’anima a Piazza Mercato, abbandonata al suo degrado. Domenica 9 giugno, l’associazione culturale no profit Poesie Metropolitane, con la collaborazione del Consorzio “Antiche Botteghe Tessili” e le Associazioni “Retake Napoli”, “Sii Turista della tua città”, “NAcosa” (un progetto di arte contemporanea), “ArteRunning”, “Fondali Campania” e “Napoli2035”, hanno presentato il progetto SegninVersi: attacco d’arte poetico. Venti serrande dei negozi di Piazza Mercato sono state dipinte con figure colorate e poesie di autori napoletani. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Napoli.

Ti consigliamo come approfondimento – Circumvesuviana: i Treni dell’arte riempiono Napoli di bellezza

SegninVersi e la rinascita di Piazza Mercato

SegninVersi
dalla pagina Instagram poesiemetropolitane

Piazza Mercato è una piazza storica di Napoli. Fu teatro della rivolta di Masaniello e vanta due bellissime fontane-obelischi risalenti al XVIII secolo. Tuttavia, l’incuria e il disinteresse generale l’hanno destinata a un progressivo degrado. Oggi, però, grazie a SegninVersi, la piazza ha riacquistato vita e colore.

Al progetto di Poesie Metropolitane hanno partecipato anche, come detto, associazioni che promuovono la città di Napoli e il suo patrimonio artistico. Ciascuna di queste realtà associative, attraverso la propria mission, si fa portavoce di un forte sentimento di identità e appartenenza.

Ti consigliamo come approfondimento – Cuoredinapoli: ritorna l’opera evento che ama i Quartieri Spagnoli

SegninVersi e il diritto alla felicità

SegninVersiL’intenzione di SegninVersi è quella di preservare Piazza Mercato e le sue attività, restituendo alla città di Napoli uno spazio bonificato e vivo. I volontari coinvolti hanno decorato 20 delle serrande presenti con splendidi disegni dai colori sgargianti e poesie. Queste ultime non sono state scelte a caso. Si tratta di componimenti inediti selezionati tramite un contest lanciato sui social. Il tema di immagini e poesie è quello del “diritto alla felicità“, lo stesso del Maggio dei monumenti.
A occuparsi degli attacchi d’arte poetici sono stati 20 artisti emergenti: Valentina Guerra, Antonio Conte, Flavia Flab, Maria Rosaria Mottola, Veronica Rastelli, Manuela Belfiore, Daniela Valentino, Agostino Saviano, Pietro Mingione, Antonio Foglia, Grazia Famiglietti, Maurizio Di Martino, Bruna Troise, Carla Merone, Lucia Schiettino, Clelia Leboeuf, Gennaro Patrone, Simona Giglio, Luisa Corcione e Antonio Lubrano Lavadera.

L’attacco d’arte ha avuto inizio alle ore 10 quando i presenti, muniti di colori e pennelli, hanno regalato un volto nuovo alla piazza. Successivamente, grazie al contributo delle associazioni interessate, il progetto si è evoluto in una vera e propria festa. Hanno avuto luogo performance teatrali, laboratori per bambini e musica. Non sono mancati un flash mob dedicato alla felicità e il concerto finale dei Galera De Rua.

Ti consigliamo come approfondimento – Di sana e “felice” costituzione: storia di un diritto in giro per il mondo

SegninVersi: un messaggio per Napoli, l’ambiente e l’arte

SegninVersi

SegninVersi è il segno di un cambiamento che viene dal basso, fuori dagli uffici pubblici. È espressione della volontà di cittadini che si associano per riappropriarsi della città, degli spazi urbani e del suo straordinario patrimonio culturale.

A Napoli, tra paesaggi mozzafiato e tradizioni secolari, non è difficile considerare il “diritto alla felicità” una necessità insita dell’uomo. Occorre, però, che ognuno nel suo piccolo contribuisca a preservare gli spazi pubblici e i luoghi storici. L’augurio è che quello di SegniinVersi sia un esempio da imitare e riproporre, per intensificare lo stretto rapporto tra Napoli e i suoi abitanti.