Elezioni 2022, presidente Richetti accusato di abusi: “Non puoi denunciare un senatore con immunità, femminista del c…”

0
74
Senatore abusa donna

Il presidente del partito “Azione”, Matteo Richetti, si difende dopo le accuse ricevute per aver abusato sessualmente di una donna nei propri uffici. La storia, che si sarebbe consumata a Palazzo Madama, ha destato scalpore nel mondo della politica. A pochi giorni dalle elezioni presidenziali, Richetti, dal canto suo, risponde: “Questa vicenda emerge ora perché mancano pochi giorni alla campagna elettorale. Io sono convinto che ci rafforzerà”.

Ti consigliamo come approfondimento – In autunno potrebbe aumentare la spesa per le famiglie: si raggiungeranno 2500 euro al mese

Senatore abusa donna: tutto sarebbe partito da un colloquio di lavoro

Senatore abusa donnaSenatore abusa donna – L’inchiesta, avviata dalla redazione di “Fanpage”, ha raccolto la testimonianza di una donna, in forma anonima. È il novembre del 2021 quando la giovane decide di addentrarsi nel mondo della politica. Scegliendo di darsi un’opportunità, si avvicina al partito “Azione”, che le sembra diverso dagli altri. Al senatore il suo curriculum sarebbe piaciuto molto: la donna, infatti, sarebbe laureata in lingue straniere e sarebbe ferrata in politica estera.

Così, Richetti l’avrebbe assunta e non sarebbero tardate ad arrivare frecciatine di cattivo gusto. “Sai, se vuoi stare accanto a me nel partito, dovrai cambiare il tuo modo di vestire, il tuo modo di porti, di camminare”. “Sarai nell’occhio del ciclone, perché io sono uno molto chiacchierato”. “Non passarmi così vicino, sono pur sempre un maschietto”. Sarebbero, queste, solo alcune delle prime affermazioni che il senatore avrebbe rivolto alla donna.

Ti consigliamo come approfondimento – Mamma invia torta alla figlia per Posta, ma il dolce arriva mangiato per metà

Senatore abusa donna: “Ho fatto quello che volevi, adesso tocca a te”

senatore abusa donnaDopo qualche giorno, il senatore avrebbe dato un appuntamento alla donna presso il suo ufficio a Palazzo Madama. Dinnanzi a lei avrebbe fatto una telefonata, affermando: “Ho qui la persona che ti sostituirà”. Poi, si sarebbe rivolto a lei, dicendo: “Ho fatto quello che volevi. Adesso, tocca a te”. Ed è proprio in quel momento che la donna, inorridita, avrebbe capito il ricatto di cui sarebbe stata vittima.

Dopo pochissimo tempo, il senatore l’avrebbe baciata e avrebbe iniziato ad abusare di lei. Così, la donna sarebbe riuscita a liberarsi e ad andare via. E da lì, sarebbero iniziati scambi di telefonate e messaggi tra la giovane e il senatore, dove lei lo avrebbe minacciato di denuncia. “Sì, certo. Denunci un senatore con l’immunità. Stai perdendo l’uomo e l’occasione di una vita”, avrebbe detto il presidente in un messaggio.

Ti consigliamo come approfondimento – Violenza shock: un cane sparato ad un occhio perché abbaiava troppo

Senatore abusa donna: “Vi siete tutte montate la testa”

Senato stati generali

Dopo che la donna avrebbe denunciato più volte di ricorrere alla giustizia, il senatore si sarebbe messo sulla difensiva. “Ma smettila a fare la perfettina, se non volevi che ci provavo non ti mettevi la gonna, che era un chiaro segnale. Ti mettevi i pantaloni e facevi la frigida. Con questi movimenti femministi del cazzo vi siete tutte montate la testa”, avrebbe affermato il presidente.

Il senatore, addirittura, le avrebbe consigliato di mettersi in contatto con un’altra sua vittima per poterlo denunciare insieme. La donna avrebbe così contattato l’altra giovane, la quale però avrebbe preferito non proferire parola perché diventata mamma da poco tempo.

Disperata, la vittima avrebbe così deciso di rivolgersi, all’inizio del 2022, alle forze dell’ordine. Ad oggi, tuttavia, sembrerebbe non esserci stata alcuna risoluzione del caso. E intanto, il senatore continua a difendersi, considerandosi “carne da macello” per l’avvicinarsi delle elezioni.

Stando alle ultime indiscrezioni di “Domani“, la donna in questione potrebbe essere l’attrice Lodovica Mairé Rogati. La star sarebbe stata condannata in primo grado a 6 anni di carcere per calunnia. Si tratta del reato di chi accusa qualcun altro davanti a un’autorità giudiziaria sapendo che in realtà è innocente. Durante l’appello sarebbe, così, arrivata la prescrizione del reato. E la ragazza avrebbe pagato 50 mila euro di risarcimento alle parti civili coinvolte nel processo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 + 20 =