Neonata abusata e uccisa da ex compagno della madre: chiesto l’ergastolo

0
298
Sharon abusata uccisa,

Sharon neonata abusata uccisa dall’ex compagno della madre. Il fatto compiutosi lo scorso 11 gennaio a Cabiate (Como) trova ora la proposta dei PM. Per l’omicidio della piccola di pochi mesi è stato chiesto il carcere a vita. Secondo il pubblico ministero si è trattato di omicidio volontario. La difesa di Gabriel Robert Marincat chiede la versione preterintenzionale. Ovvero che la bambina non sia stata uccisa volontariamente ma in conseguenza all’atto di abuso.

Ti consigliamo come approfondimento – Matias, zittito e ucciso: il padre gli ha tappato nasino e bocca con lo scotch

Sharon neonata abusata uccisa: il racconto dei fatti

Bimbo sordo meningite, Sharon abusata uccisa,La tragica vicenda della piccola Sharon si svolge a Cabiate (Como), l’11 gennaio scorso. Inizialmente si era parlato di una semplice caduta ma l’autopsia ha smentito ciò. Gabriel Robert Marincat, accusato di abuso e omicidio aveva raccontato un’altra versione. La piccola avrebbe sbattuto la testa contro una stufa e, una volta rimessa a letto, non si sarebbe più svegliata. Pochi giorni dopo però il giudice preliminare ha parlato di: “Contesto di assoluto orrore”. Dovuto appunto alle autopsie svolte che hanno rivelato l’abuso e l’omicidio ai danni della neonata.

Ti consigliamo come approfondimento – Vetralla, tragico omicidio: bambino di 10 anni accoltellato a morte dal padre

Sharon neonata abusata uccisa: dalla confessione all’ergastolo

scuola ponte morandi, Sharon abusata uccisa,Gabriel Robert Marincat ha confermato ciò che è emerso dalle autopsie soltanto il maggio successivo. Lo ha fatto davanti al pubblico ministero in un processo a porte chiuse. Tuttavia l’uomo non ha mai provato a giustificare la sua condotta. Si è limitato ad un: “Ero nervoso”. Ad aggravare la situazione anche la testimonianza di un uomo (lo spacciatore di Gabriel). Quest’ultimo avrebbe affermato di aver venduto metadone a Robert pochi minuti dopo la tragedia. Qui Robert, in stato di agitazione, gli avrebbe detto: “Ho combinato un guaio”. Tutto ciò è bastato al PM per chiedere l’ergastolo dell’uomo. Ora starà alla difesa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 + sedici =