Sicurezza cantieri, non ci si improvvisa! Holding Sodano ci spiega tutte le norme

0
308
sicurezza cantieri

Sicurezza cantieri: cosa prevede la legge. Garantire la sicurezza nei cantieri è diventata una priorità per tutte le aziende e i committenti. La normativa vigente prevede una regolamentazione particolarmente complessa e puntuale finalizzata alla salvaguardia dei lavoratori.

Per garantire la sicurezza, la normativa vigente prescrive per prima cosa l’individuazione dei rischi presenti per i lavoratori e l’adozione di una serie di misure di protezione (sia individuali che collettive) per eliminarli o ridurli. Abbiamo parlato di questo argomento con Donato Sodano, della Holding Sodano, azienda leader del settore immobiliare e delle costruzioni.

Ti consigliamo come approfondimento – Holding Sodano e il rispetto dell’ambiente anche grazie all’Ecobonus 110%

Sicurezza Cantieri: il Testo Unico

sicurezza cantieriLa sicurezza nell’ambito di luoghi di lavoro è normata dal Testo Unico sulla Sicurezza (Dlgs 81/2008); la parte relativa alle costruzioni, ovvero ai cantieri temporanei o mobili, è concentrata nel Titolo IV e nei diversi allegati, di interesse specifico per i cantieri edili.

Vediamo nello specifico le figure chiave del cantiere per la sicurezza:

Il coordinatore della sicurezza si trova nella posizione intermedia, tra il committente e il progettista, al quale spetta la prima e indispensabile pianificazione e organizzazione della sicurezza in cantiere. La figura si sdoppia in due funzioni, con ruoli distinti, che possono essere eventualmente ricoperti anche da due professionisti diversi: il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione (CSP) e il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione (CSE).

Ti consigliamo come approfondimento – I vantaggi di comprare una casa al centro: Jessica Sodano ci spiega il perchè!

La sicurezza nei cantieri spiegata nel dettaglio

Sig. Sodano, ci può spiegare precisamente quali sono i documenti e i dispositivi essenziali per una giusta sicurezza nei cantieri?

sicurezza cantieriIl PSC è acronimo di Piano di Sicurezza e Coordinamento, ed è il documento necessario alla pianificazione della sicurezza nei cantieri edili dove sono previste contemporaneamente più imprese esecutrici. Il PSS, invece corrisponde al Piano di Sicurezza Sostitutivo, che rappresenta il documento da predisporre, nel caso di lavori pubblici, per i cantieri con una sola impresa esecutrice. Infine, il POS, ovvero il Piano Operativo di Sicurezza, è il documento che il Datore di Lavoro dell’impresa esecutrice redige per la pianificazione in sicurezza delle proprie attività. Una corretta pianificazione del cantiere deve necessariamente individuare:

  • l’analisi delle attività operative;
  • individuazione dei soggetti che intervengono in cantiere;
  • analisi del cronoprogramma delle attività;
  • analisi delle interferenze lavorative.

La valutazione dei rischi ha la finalità di individuare gli interventi più opportuni per prevenire malattie e infortuni sul lavoro e, in generale, di ridurre la possibilità che si verifichino eventi dannosi. Gli interventi di protezione invece tendono a limitare gli effetti negativi di un eventuale evento dannoso.

Ti consigliamo come approfondimento – Cappotto termico: Holding Sodano ci spiega perchè protegge la tua casa
Quali devono essere nello specifico gli interventi che il Committente deve adottare?

sicurezza cantieriIl committente deve adottare:

  1. misure organizzative, operative e aggiornamenti tecnologici;
  2. misure tecniche di prevenzione e protezione collettiva e individuale;
  3. prevedere la dotazione e l’utilizzo, da parte di tutti i lavoratori, di adeguati dispositivi di protezione individuale e collettiva;
  4. attività di informazione, di formazione e di addestramento dei lavoratori.

Strumenti molto importanti, nell’ambito della sicurezza nei cantieri, sono la formazione, l’informazione e l’addestramento dei lavoratori, elementi indispensabili per aumentare la consapevolezza e sensibilità di ciascun lavoratore.

Per la sicurezza nei cantieri necessario è l’utilizzo dei DPI

sicurezza cantieriTutti i lavoratori devono essere dotati degli adeguati Dispositivi di Protezione Individuale, che sono responsabilità del Datore di Lavoro, ovvero dell’impresa edile per cui lavorano. La scelta di questi dispositivi viene effettuata a seguito della valutazione dei rischi sul luogo di lavoro e della stesura del DVR (Documento di Valutazione dei Rischi). Tutti i lavoratori devono essere formati sull’utilizzo di questi dispositivi e sono poi obbligati a farne uso.

Tutti i cantieri di Holding Sodano rispettano le norme di sicurezza.

Qui di seguito il progetto di Via Mazzini – Marigliano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − 7 =