Sinuessa: la città sommersa catturata da Google Earth

0
286
sinuessa

L’oceano è una culla di tesori nascosti: è proprio nei suoi fondali che sono state fatte alcune fra le più importanti scoperte archeologiche del mondo. Il merito, questa volta, non è solo di esperti di settore e studiosi, ma soprattutto di Google Earth. Questo software, infatti, è riuscito a catturare alcuni fotogrammi dai quali è possibili intravedere lo scheletro di una città. Si tratta di Sinuessa, situata in prossimità del comune di Sant’Eufemia, a nord di Mondragone, fagocitata dal mare dopo un violento terremoto.
Leggi anche: Castel dell’Ovo, custode nei suoi fondali di un porto greco di 25 secoli fa.

Sinuessa: la storia

sinuessa
Venere di Sinuessa

Sinuessa viene fondata dai Romani nel 296 a.C e diviene ben presto una delle città più importanti dell’Impero Romano. Infatti, Sinuessa era attraversata dalla Via Appia, la Regina Viarium, che la collegava a Roma e Capua. L’antica località era molto rinomata per le sue terme, meta di matrone e patrizi romani che la sceglievano per bagnarsi nelle calde acque. Altre due peculiarità della città erano il clima mite e il suo prelibato vino, il Falerno.

Dopo il crollo dell’Impero Romano, Sinuessa fu saccheggiata e distrutta da invasioni barbariche. Secondo alcuni recenti studi, però,  il motivo principale del suo declino fu il bradisismo (un fenomeno vulcanico tipico dell’area dei Campi Flegrei) seguito da uno tsunami, che fece arretrare la costa di decine di metri e sommerse completamente la città.

Leggi anche: Pompei, straordinaria scoperta cambia la data dell’eruzione del Vesuvio

Sinuessa: la scoperta

sinuessaGrazie a particolari condizioni climatiche, l’occhio satellitare di Google Earth è riuscito a catturare una serie di immagini eccezionali.

A pochi metri dalla riva e a 8 metri di profondità, giacciono alcune strutture subacquee riconducibili alla città di Sinuessa.

Secondo una recente indagine condotta dagli scienziati dell’Enea, si tratta di un ninfeo o di un impianto termale. Ma la funzionalità di parte degli ambienti ritrovati risulta ancora sconosciuta. Inoltre, l’area dove è situata la struttura individuata segue l’originale linea di costa dell’antica città, inabissata intorno alla seconda metà del IX secolo, e si colloca a pochi metri di distanza da una residenza romana esempio dell’edilizia suburbana di Sinuessa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here