Slovenia, approvata la legge che consente matrimoni e adozioni a coppie omosessuali

0
89
Slovenia matrimoni adozioni omosessuali

Slovenia matrimoni adozioni omosessuali: il Parlamento sloveno ha legalizzato matrimoni e adozioni per coppie omosessuali. In passato, in Slovenia, due referendum popolari bocciarono l’approvazione delle unioni civili, approvate nel maggio 2016 poco prima dell’Italia.

Ti consigliamo come approfondimento-Ddl Zan cade in Senato: la politica esulta e gli italiani manifestano in piazza

Slovenia matrimoni adozioni omosessuali: legge approvata

ddl zan manifestazioneEcco la svolta epocale: la Slovenia è il primo paese dell’area ex comunista a legalizzare matrimoni e adozioni per le coppie omosessuali. A seguito di 48 voti favorevoli e 29 contrari e di alcuni emendamenti al codice della famiglia, il Parlamento ha approvato tale legge. Il Parlamento ha di fatto riconosciuto le normative precedenti sulle unioni civili discriminatorie nei confronti dell’individuo. Già a luglio scorso venne stabilito ciò, che adesso viene legalizzato e approvato. In una nota si leggeva: “Il divieto di unione tra persone omosessuali non può essere giustificato con il significato tradizionale del matrimonio tra uomo e donna.” Sulle adozioni, invece: “Un divieto assoluto non è un mezzo idoneo per raggiungere il massimo beneficio per un bambino.” In soli tre mesi sono stati limate le distanze tra i partiti che ne hanno determinato l’approvazione.

Ti consigliamo come approfondimento-FdI vs Peppa Pig, un personaggio ha due mamme, chiesta la censura: “No ai cartoni gay sulla Rai”

Slovenia matrimoni adozioni omosessuali: modifiche al diritto della famiglia

partito gay; San Pasquale giornata omofobiaLa modifica più importante riguarda il diritto di famiglia sloveno sulla definizione del matrimonio. Infatti, viene modificato nell’unione a vita di due persone, senza distinzione di genere. Inoltre, il Parlamento ha riconosciuto che due persone in unione coniugale, a prescindere dal sesso, possono adottare bambini senza differenze tra coppie eterosessuali e omosessuali. Il Segretario di Stato, Simon Maljevac, ha presentato l’emendamento ai parlamentari. Maljevac ha detto: “Con questi cambiamenti, stiamo riconoscendo i diritti che le coppie omosessuali avrebbero dovuto avere da molto tempo”. Alla legge ora manca solo la firma del presidente Borut Pahor e la sua conseguente pubblicazione.

omosessuali covidIn Slovenia, negli anni scorsi già furono fatti alcuni tentativi di modifica ma invano. Nel 2011 venne approvata una norma che riconosceva le unioni civili tra coppie omosessuali. Inoltre, veniva anche permessa l’adozione dei figli avuti da relazioni precedenti. Un referendum la annullò l’anno dopo, per quanto al voto avesse partecipato solo il 30% degli aventi diritto. Ancora, nel 2014, il Parlamento propose una legge sui matrimoni tra persone dello stesso sesso. Anche quella volta un referendum popolare intervenne a bloccarla nel 2015. Infine, una norma sulle unioni civili fu approvata ed entrò in vigore nel maggio 2016, pochi giorni prima della legge Cirinnà in Italia.

Ti consigliamo come approfondimento-Manifestazione Vita 2022, la festa contro i diritti umani: “I gay sono un problema!”

Slovenia matrimoni adozioni omosessuali: gli altri stati in cui è consentito il matrimonio e l’adozione

oreoLa Slovenia, come detto, è il primo dei Paesi dell’ex area comunista a prendere un provvedimento di questo tipo. L’Estonia riconobbe nel 2016 le unioni omosessuali avvenute in altri Stati. Mentre Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria e Montenegro hanno leggi che prevedono unioni civili per persone dello stesso sesso, come l’Italia. In Ungheria, però, dal 2021 è punibile per legge persino parlare di omosessualità davanti a dei bambini. La prima nazione, in ordine di tempo, a spalancare le porte alle adozioni gay è stata l’Olanda. Nei Paesi Bassi dal 2001 è consentito alle coppie delle stesso sesso di adottare bambini. Gli altri stati in cui è consentito sono: Spagna, Svezia, Belgio, Danimarca, Francia, Malta, Lussemburgo, Austria, Irlanda, Portogallo, Regno Unito, Finlandia e Germania. In Italia è una questione ancora avvolta nel buio, probabilmente difficilmente approvabile dal futuro governo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × quattro =