Smart working per tutto il 2020: diritti e regole per i lavoratori “agili”

0
526
Lotteria scontrini

Il Coronavirus ci ha costretto a rimodulare spazi, tempi e abitudini per far fronte all’emergenza sanitaria. Molti lavoratori hanno dovuto “portare l’ufficio a casa”. La quarantena e il distanziamento sociale hanno reso necessario lo smart working o lavoro agile. Si tratta di una modalità operativa – già in vigore da diversi anni – che consente al lavoratore di svolgere la sua attività anche da remoto, secondo un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi. Tale intesa tra dipendente e datore di lavoro consente all’individuo di conciliare vita privata e lavoro, con flessibilità e senza vincoli di orario o sede.

Ti consigliamo come approfondimento – Lavoro agile tra benefici e rischi

Smart working per tutto il 2020

Smart workingPer tutto l’anno in corso, le aziende private saranno incentivate a proseguire il lavoro in smart working. Per il settore pubblico, invece, il 50% dei dipendenti continuerà a lavorare da remoto. Per il 2021 è previsto un’aumento di tale quota al 60%. Per i genitori con figli fino a 14 anni di età, lo smart working sarà un diritto, se entrambi lavorano.

A stabilirlo è il Parlamento, che ha dato il via libera alla conversione del Decreto Rilancio. Anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha confermato la tendenza, annunciando la proroga dello stato d’emergenza fino al 31 dicembre. La preoccupazione, infatti, è che con l’arrivo dell’autunno si possa assistere a un nuovo picco di contagi. Lo smart working, quindi, è la modalità operativa preferita per il 2020, sia durante la fase acuta dell’emergenza sia in quella successiva di convivenza col virus. A partire dal 2021 inoltre tale misura diverrà strutturale, grazie a una riforma sul lavoro.

Ti consigliamo come approfondimento – Robot al posto degli uomini: l’apocalisse del lavoro è iniziata

Smart working e tutele

Secondo le stime, da marzo in poi il lavoro agile ha coinvolto più di 4 milioni di persone (tra settore pubblico e privato). Un dato significativo se lo si paragona a quello degli anni precedenti. L’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano ha evidenziato che nel 2019 erano “solo” 570.000 i lavoratori operativi in smart working (più del 20% rispetto al 2018).

Inquadrare lo smart working come modalità operativa stabile richiederà anche una necessaria regolamentazione, con una definizione delle tutele dei lavoratori. Si è parlato soprattutto di “diritto allo spegnimento”. Questo nell’ottica di consentire una netta separazione della vita privata da quella professionale che correrebbero il rischio di confondersi e sovrapporsi.

Ti consigliamo come approfondimento – Decreto Rilancio: tutti i vantaggi per lavoratori, imprese e famiglie

Smart working… alle Barbados

Estate 2020Sei un lavoratore agile? Allora sei il benvenuto alle Barbados! La fonte di sostentamento di queste meravigliose isole caraibiche è il turismo. Tuttavia, l’emergenza sanitaria mondiale ha notevolmente inciso sull’afflusso di visitatori. Cosi, il primo ministro Mia Amor Mottley ha proposto agli smart workers di trasferirsi nel Paese. Sembrerebbe un sogno: lavorare al pc in spiaggia, davanti a un mare cristallino e con un gustoso drink in mano.

Non avete bisogno di stare in Europa, negli Stati Uniti o in America latina se potete venire qui per un po’. Potete andare e tornare” ha detto il primo ministro. La sua proposta è quella di offrire un visto gratuito di 12 mesi per andare e venire dal Paese. Se non occorre stare in ufficio per lavorare, perché non lasciarsi tentare? 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 − dodici =