Morte Luca, convalidato sequestro ristorante cinese: aveva alimenti nocivi

0
1025
Soccavo morte luca

Soccavo morte Luca – continuano le indagini delle Forze dell’Ordine. Convalidate le accuse al titolare del ristorante dove Luca aveva pranzato. Per l’uomo le accusa sono di omicidio colposo e vendita di alimenti nocivi. Convalidato anche il sequestro del locale al Vomero. Nella giornata di ieri numerosi sono stati gli interventi dei Nas nei ristoranti simili della zona. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Morte 15enne Soccavo, malore dopo aver mangiato sushi: aperta inchiesta

Soccavo morte Luca: le convalide della accuse

soccavo malore, Soccavo morte luca La vicenda risale ormai ai primi di dicembre. Luca si era recato a pranzo con due sue amiche nel suddetto ristorante cinese. Dopo alcuni giorni aveva lamentato nausea e febbre alta. Anche le sue amiche avevano gli stessi sintomi seppur più lievi. Il medico di base ha prescritto al ragazzo una cura farmacologica per quella che è stata diagnosticata come una normale influenza. Il ragazzo però dopo circa una settimana dal pranzo è stato trovato senza vita nella sua stanza. Nel mirino degli accusati anche il medico del ragazzo. Il giudice nella giornata di ieri ha però convalidato il sequestro del locale che resterà chiuso fino a data da destinassi. Per il titolare del locale è stata inoltre formalizzata l’accusa di omicidio colposo. L’uomo dovrà difendersi per l’aver usato nel suo ristorante alimenti altamente nocivi e per non averli trattati adeguatamente. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, 15enne morto dopo il sushi: disposto il sequestro del ristorante!

Soccavo morte Luca: i controlli dei Nas 

Soccavo morte luca Come conseguenza alla triste vicenda e alla psicosi da essa generata, nella giornata di ieri sono stati effettuati circa 12 controlli in ristoranti cinesi della zona. Le Forze dell’Ordine si sono concentrati in particolare sui locali che effettuano la formula all you can eat dove i prezzi sono più bassi. In uno dei ristoranti ispezionati è stato sequestrato un intero confezionamento di sushi. In questo il ristornate in questione svolgeva la normale attività di cucina nonostante l’abbattitore, strumento essenziale per mantenere fresco il pesce, fosse rotto.