Soldato russo si arrende e consegna tank: per lui 10mila dollari e cittadinanza ucraina!

0
332
Soldato russo si arrende

Soldato russo si arrende: è la dimostrazione che l’esercito del presidente Vladimir Putin stia annaspando in questa campagna ucraina.
Concepita inizialmente come una guerra lampo, i russi si sono ritrovati di fronte a una realtà ben differente rispetto a quella che avevano immaginato; un lungo conflitto fatto di un lento logorio reciproco. Ed è proprio l’esercito russo che sta mostrando i primi segni di cedimento. Infatti, come racconta il ministro degli Interni di Kiev, Victor Andrusiv, un militare russo si sarebbe arreso offrendo il proprio tank alle truppe ucraine in cambio di 10 mila dollari e la promessa della cittadinanza locale.

Ti consigliamo come approfondimento – Putin sempre più in difficoltà: minaccia di usare gas letale contro l’Ucraina

Soldato russo si arrende: il racconto di Andrusiv

Soldato russo si arrendeAl netto della propaganda nazionalistica di un Paese in guerra con cui si deve inevitabilmente fare i conti, il politico ucraino ha riportato sul proprio profilo Facebook un episodio che vedrebbe la resa di un soldato russo. In particolare, sempre secondo quanto racconto Andrusiv, ‘Misha’ – questo il nome del soldato russo – si sarebbe arreso accogliendo l’appello che i soldati ucraini stanno mandando tramite sms ai russi. Consegnato il mezzo, l’uomo avrebbe raccontato dello stato di sbando in cui versano i soldati di Mosca. Il cibo, infatti, scarseggia tra le fila russe, senza considerare la gestione caotica del conflitto e il morale a pezzi delle truppe.

A ‘Misha’, secondo gli accordi, spetterebbero 10 mila dollari alla fine del conflitto. Al momento, sempre secondo la ricostruzione di Andrusiv, l’uomo vivrebbe nell’agio. Gli è stata fornita un’abitazione con tv, telefono, cucina e servizi igienici. Più di quanto hanno, almeno per il momento, i profughi ucraini in fuga.

Ti consigliamo come approfondimento – Fornelli accesi per sostenere la guerra in Ucraina: il trend dei pro Putin italiani

Putin in difficoltà: liberata la città di Irpin

ucraina mariupol, Soldato russo si arrendeSoldato russo si arrende. Come è stato raccontato, l’esercito di Putin si troverebbe in forti difficoltà. Lo dimostra anche il fatto che Irpin, una città non molto lontana da Kiev, è stata liberata. A raccontarlo è stato lo stesso primo cittadino Alexander Markushin che lo ha annunciato tramite il proprio canale Telegram:
La nostra Irpin è stata liberata dal male di Mosca! Gloria all’Ucraina”.

Supsilne News, un’emittente ucraina, riferisce che al momento l’esercito ucraino è impegnato “a ripulire la città e ai residenti è stato richiesto di non tornare ancora nelle loro case”. Irpin è stato il luogo dove si son avuti gli scontri più cruenti.

Ti consigliamo come approfondimento – Putin chiede pagamenti in rubli per il gas: “Non facciamo beneficenza”

Ultim’ora: Abramovich e negoziatori ucraini sospetto di avvelenamento

Screenshot da YouTube

Un’ultim’ora lanciata dall’agenzia Bloomberg e dal Wall Street Journal riporta che l’ex proprietario del Chelsea, Roman Abramovich e i negoziatori ucraini hanno sofferto sintomi di sospetto avvelenamento dopo un incontro a Kiev. Ciò è accaduto all’inizio del mese.
Secondo una prima ricostruzione, questo attacco è stato fatto per sabotare le trattative per mettere fine al conflitto.
L’oligarca russo Roman Abramovic aveva lasciato il Chelsea in seguito allo scoppio del conflitto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − 3 =