Somma Vesuviana, l’officina smontava e vendeva pezzi di auto rubate: trovato il bottino delle ultime 48 ore

0
152
automobilisti biglietti finestrini

Somma Vesuviana officina sequestrata dalle Forze dell’Ordine. Un blitz avrebbe rivelata una vera e propria fucina di smontaggio e riciclaggio di pezzi da auto rubate. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, Ghali accusa Radio Italia di averlo escluso dal live: “Censurato per il minuto di silenzio a Gaza”. Gli organizzatori smentiscono

Somma Vesuviana officina: l’arrivo della Polizia

somma vesuviana officina L’officina abusiva si trovava in via Masseria Pietrangeli, frazione periferica del paese di Somma Vesuviana, in provincia di Napoli. La volante delle Forze dell’Ordine dopo aver fatto irruzione nella struttura avrebbe trovato svariate automobili a pezzi. Secondo le indagini avviate il capannone abbandonato era solo uno dei punti nevralgici della catena di montaggio e smontaggio abusiva di pezzi rubati. Sembrerebbe che i pezzi smontati dalla auto rubate fossero destinati ad un’altra struttura a Pomigliano d’Arco che riciclava abusivamente i pezzi su altre auto. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Uomo muore per influenza aviaria: è il primo caso umano al mondo

Somma Vesuviana officina: i due arresti 

Bonus box auto, somma vesuviana officinaLa Polizia dopo aver fatto irruzione nella struttura ha arrestato un 50enne e un 32enne, due dei “proprietari”, dell’attività illecita. Dalle prime informazioni sembrerebbe che i due siano residenti a Volla. Gli agenti li avrebbero arrestati in fragranza di reato. Dopo l’arresto e lo spostamento in questura, la struttura è stata sottoposta a sequestro in attesa dello svolgimento delle indagini. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Molesta ragazzina per strada: uomo massacrato di botte da un branco di ragazzi

Somma Vesuviana officina: l’auto rubata 48ore prima 

Bonus box auto, somma vesuviana officina I due arrestata sembra stessero lavorando su una Fiat Panda, rubata ad Ercolano solo due giorni prima. Nonostante non fossero nemmeno passate 48 ore dall’effetto furto del veicolo, l’auto era ormai prima della metà di pezzi. Alcuni sono stati trovati nella medesima officina, altri con ogni probabilità erano già stati venduti a nero e montanti su altri auto.