Sorelle aggredite con l’acido, la zia costituita non convince gli inquirenti e spunta un nuovo dettaglio inquietante

0
1116
napoli sorelle acido,

Sorelle sfregiate zia verità che ancora non viene a galla. La parente acquisita delle due vittime napoletane non convince gli inquirenti. Al momento è in stato di fermo, ma la sua versione dei fatti semina parecchi punti interrogativi. Emerge, inoltre, un nuovo particolare inquietante.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, agguato “senza motivo” a due sorelle: sfregiate con l’acido da altre ragazze

Sorelle sfregiate con l’acido: la notte dell’agguato

incentivi auto 2022,Rione Sanità, Napoli, notte del 29 maggio – queste le coordinate e l’ora X del vero e proprio agguato che due ragazze hanno subito. Hanno 24 e 17 anni, sono giovanissime. Stanno passeggiando sul corso Amedeo di Savoia intorno alle 01:30, quando vengono affiancate da alcuni scooter. Alla guida ci sono dei ragazzi, come passeggeri delle loro amiche o forse fidanzate; sono quest’ultime a lanciare l’acido. Le vittime vengono colpite al viso, fa malissimo, e i soccorsi non ci impiegano molto tempo a portarle all’ospedale Cardarelli. Lì arriva la diagnosi. La 17enne riporta ustioni alla guancia destra e al naso, mentre la 24enne alla guancia sinistra e a un braccio. Fortunatamente non c’è bisogno d’intervenire chirurgicamente e le due vengono dimesse poco dopo.

Ti consigliamo come approfondimento – Ronn Moss in lacrime alla RAI. Il Ridge di Beautiful: “Ho operato sui cadaveri, poi un giorno ho dovuto fare una scelta”

Sorelle sfregiate zia verità: si costituisce una 20enne

Napoli incidente camion, campania esplosione commissariato,Tragedia funivia Stresa, Concorso Polizia Municipale Bacoli, Veggente tedesco Madeleine McCann, Napoli bambino caduto, Verona mamma uccide figlie, Catania donna nuda, milano violenze capodanno, incidente brescia,La Polizia si tuffa subito nelle indagini per tentare di risalire non solo ai colpevoli dell’agguato, ma anche alla motivazione. Qui, lo shock più grande: sembra che non ci sia nessun motivo dietro al gesto. Che si sia trattata di una goliardia di pessimo gusto? Mentre gli agenti si pongono queste domande, una persona si fa avanti. È una giovane ragazza di 20 anni che dichiara di essere la zia acquisita delle due vittime. Già indiziata per il reato di deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso, dichiara di volersi addossare tutta la responsabilità dell’accaduto.

Ti consigliamo come approfondimento – Cacciari vs Lerner: “Sanzioni inutili. È un governo di incapaci, ci guadagnano solo gli USA”

Sorelle sfregiate zia verità? Si brancola nel buio

india incendio, incendi sardegnaC’è qualcosa, tuttavia, che non convince affatto gli inquirenti. Le dichiarazioni della zia delle vittime non combaciano con il quadro generale della vicenda. Cosa è successo veramente quella sera? Gli agenti, a ogni modo, sono del parere che la 20enne non sia l’unica responsabile del reato. Stanno cercando le altre sei persone che erano a bordo di quei motorini la notte dell’agguato. E c’è di più. Nella notte tra il 10 e l’11 maggio, la Smart delle due ragazze (intestata a loro padre) è stata incendiata. I due fatti sono collegati in qualche modo? Nel frattempo, le due vittime di questa brutta storia devono recarsi ancora presso lo studio del medico che le ha accolte. C’è il rischio che le ferite siano permanenti.