Napoli, un gruppo di 10 persone aggredisce due fratelli nel Rione Traiano

0
229
Spedizione punitiva rione Traiano

Spedizione punitiva rione Traiano: un uomo di 44 anni e uno di 49 anni sono stati picchiati da un gruppo di dieci persone. I due sono stati picchiati pare senza alcun motivo apparente. Sul luogo sono arrivati immediatamente i medici e le Forze dell’Ordine.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, guerra di Camorra a Piscinola: ucciso un uomo del clan Lo Russo!

Spedizione punitiva rione Traiano: aggrediti due uomini

Spedizione punitiva rione TraianoUn uomo di 44 anni e un altro di 49 anni sono stati aggrediti da un gruppo di 10 persone con il casco. I due uomini sono stati accerchiati dal gruppo e sono stati colpiti violentemente. Gli accertamenti in corso non hanno ancora evidenziato i motivi che hanno spinto il gruppo a compiere quel gesto. I due uomini napoletani, residenti al Rione Traiano, sono stati trasportati al Pronto Soccorso dell’ospedale San Paolo. I due sono fratelli, il più giovane è un pregiudicato, mentre l’altro di 49 anni è incensurato. Le vittime sono state colpite a calci e pugni. Il più giovane è anche stato colpito alla testa col calcio della pistola. I medici del Pronto Soccorso hanno fortunatamente escluse lesioni gravi e hanno dimesso i due uomini con una prognosi di 10 giorni.

Ti consigliamo come approfondimento-Volla: litiga con il figlio. Prende il fucile ma spara alla nipote: denunciato

Spedizione punitiva rione Traiano: indagini in corso

allievi carabinieri campanaSono in corso le indagini sull’accaduto da parte delle Forze dell’Ordine. Secondo le testimonianze delle due vittime, l’aggressione è avvenuta in via Catone, nel quartiere Soccavo, a pochi passi dal Rione Traiano. Secondo le modalità dell’aggressione pare si tratti di una spedizione punitiva, di cui sono ignote le cause. Il gruppo di dieci persone sarebbe giunto sul posto in sella ai propri scooter tutti muniti di casco integrale. Il casco non ha permesso di identificare i propri aggressori. Durante l’aggressione pare sia uscita una pistola utilizzata per colpire alla testa il fratello più giovane. Le indagini sono gestite dal Nucleo Radiomobile dei Carabinieri di Napoli, che stanno tentato di risalire ai responsabili. Gli inquirenti, infatti, stanno cercando riscontri riguardo alla versione data dalle due vittime.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × quattro =