Napoli, dopo un’altra rissa in spiaggia proposto l’accesso con documento

0
782

Spiagge libere documento: proposto l’utilizzo di un documento d’identità per accedere alle spiagge libere. Questa proposta potrebbe limitare l’accesso ai criminali dopo l’ennesimo episodio di violenza avvenuto questo fine settimana a Marechiaro.

Ti consigliamo come approfondimento-Bandiere Blu 2022: premiate le spiagge più belle d’Italia. Campania regina del mare al Sud

Spiagge libere documento d’identità per entrare

Dopo l’ennesimo episodio di violenza su una spiaggia pubblica avvenuto a Napoli viene proposto l’utilizzo di un documento per accedere alla spiaggia. La proposta in questione è avvenuta dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. Il nome della progetto è: “Spiagge libere dai criminali”. Il consigliere Borrelli si è recato nella giornata di ieri alla spiaggia delle Monache. Borrelli ha detto: “Appena siamo arrivati in spiaggia un gruppo di ragazzini ha subito iniziato ad alzare la voce. Ma essendoci le forze dell’ordine e la guardia costiera non hanno fatto altro. Durante il sopralluogo abbiamo avuto modo di confrontarci con alcuni giovani che hanno mostrato di apprezzare la nostra proposta. Le persone hanno voglia di legalità e sicurezza. La spiaggia delle Monache vive un gravissimo problema di sovraffollamento, ogni giorno si sfiorano risse, violenze e tragedie. Sicuramente con la richiesta di esibire i documenti riusciremo ad attenuare anche il problema dell’affollamento.”

Ti consigliamo come approfondimento-Squalo divora un uomo vicino a una spiaggia: “C’era sangue dappertutto”

Spiagge libere documento: ennesima rissa a Marechiaro

napoli rissaTale proposta, come detto, avviene dopo l’ennesimo atto violento su una spiaggia libera. Infatti, questo fine settimana a Marechiaro è scoppiata l’ennesima rissa. L’episodio in questione è stato commentato dal consigliere Francesco Emilio Borrelli. Quest’ultimo ha detto: “Sabato a Marechiaro, dopo il nostro sopralluogo, ci hanno riferito essere scoppiata una nuova rissa sullo “scoglione”. I presenti hanno denunciato che una delle persone coinvolte ha addirittura cacciato fuori una pistola. Un episodio gravissimo che ha creato il panico tra i presenti e il conseguente ‘fuggi-fuggi’ generale. L’ennesimo episodio che mette sotto gli occhi di tutti una situazione totalmente fuori controllo. La nostra unica proposta è tolleranza zero contro i delinquenti. Le spiagge devono essere libere per le persone per bene, non per violenti e criminali. Chiunque vorrà venire su queste spiagge dovrà esporre il proprio documento, essere registrato e solo dopo raggiungere la spiaggia.”

Ti consigliamo come approfondimento-Posillipo, risse in spiaggia con caschi, coltelli e annegamenti: ecco il video

Spiagge libere documento: risse della scorsa settimana

Posillipo rissa spiaggia,
Dalla pagina Facebook ufficiale di Francesco Emilio Borrelli

L’ennesima rissa dopo quelle avvenuta qualche giorno fa in spiaggia a Napoli. Infatti, prima a Posillipo e poi a Marechiaro ci sono state alcune risse con caschi, pistole e coltelli. La prima rissa è avvenuta domenica scorsa sulla spiaggia delle Monache in cui vennero coinvolte due persone. Il video della rissa venne postato dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. Nel video in questione si vede un uomo in nero armato di casco andare verso una persona in acqua. L’uomo in acqua viene colpito ripetutamente dal casco e cade in acqua. Qualcuno prova a fermarli, altri propongono di chiamare i Carabinieri, altri invece incitano alla rissa. A Marechiaro, invece, sempre domenica scorsa, ci furono diversi accoltellamenti. La rissa venne commentata dal consigliere Borrelli. Dopo queste risse il consigliere ha pensato allora a questa proposta per l’accesso alle spiagge. Potrebbe davvero essere una buona opportunità per limitare atti di violenza.