Spostamenti comuni Natale, dietrofront del Governo: nuovo Dpcm?

0
1173
spostamenti comuni natale

Spostamenti comuni Natale: arriva il dietrofront del Governo. Nelle ultime ore si fa largo la decisione di invertire la rotta sulle direttive emanate sui divieti del 24-25 dicembre e 1 gennaio. Il presidente Conte e il suo team sono a lavoro sulle modifiche da apportare al Dpcm. Una strategia che cerchi di venire incontro alle esigenze di tutti.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid-19, terza ondata: cosa ci aspetta davvero? Parola agli esperti

Spostamenti comuni Natale, modifica o provvedimento?

Spostamenti Comuni Natale
Dalla pagina Facebook di Giuseppe Conte

Il Governo cede e cambia rotta: saranno valutate delle modifiche all’ultimo Dpcm concernente soprattutto gli spostamenti dal 21 dicembre al 6 gennaio.
Secondo le direttive attuali, ricordiamo che:

  • Sarà vietato, su tutto il territorio nazionale, ogni spostamento in uscita e in entrata tra territori di diverse regioni e/o province autonome, dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021;
  • Per prevenire ulteriormente esodi di massa o grandi adunate, nei giorni 25 e 26 dicembre 2020 e 1 gennaio 2021 sarà vietato ogni spostamento tra comuni. Eccezioni alla norma riguardano spostamenti motivati da esigenze lavorative, situazioni di necessità. Autocertificazioni e controprove dovranno motivare le suddette “comprovate esigenze”.

Oltre alle norme su Natale, Santo Stefano e Capodanno, il decreto del 2 dicembre ha posto diverse altre limitazioni. Chiusi negozi, impianti sciistici, musei, cinema e ristoranti. Nulla di troppo divergente dai precedenti emessi. Tuttavia, alcune criticità rilevate starebbero inducendo il premier a compiere un dietrofront. Soprattutto dopo le pressioni esercitate da centinaia di sindaci.

Ti consigliamo come approfondimento – Scuole chiuse Campania: critiche ed elogi al modello De Luca

Cosa potrebbe cambiare?

Spostamenti Comuni Natale
Dal pagina Facebook ufficiale del ministro degli Esteri Di Maio

Modifica del Dpcm o provvedimento? Ciò che è chiaro è sicuramente il ripensamento del Governo. Il premier Conte si dice aperto a una nuova riflessione circa le restrizioni imposte alla popolazione durante le festività.
Diversi sindaci di Comuni minori e la maggioranza parlamentare hanno espresso la necessità di allentare le norme del Dpcm del 2 dicembre.


In particolare, Luigi Di Maio sintetizza il pensiero comune dicendo: “Che ci sia una regola che in una grande città come Roma ti puoi spostare e tra piccoli comuni non ci si possa spostare è un po’ assurdo e mi auguro che si metta a mano a questo“.
Il cambiamento permetterebbe gli spostamenti tra diversi comuni anche durante le festività di Natale, Santo Stefano e Capodanno.
Il Governo starebbe lavorando alle modalità di fruizione di tale modifiche. Le probabilità sono a favore di chiarimenti espressi nelle Faq del decreto. In tal modo, verranno specificati i casi e le modalità in cui potranno effettuarsi i suddetti spostamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × 1 =