Stati Generali: cosa sono e perché Conte li convoca

0
976
coronavirus conte congiunti stati generali, stato di emergenza nuovo dpcm italia zona rossa natale nuovo dpcm di battista

Stati Generali per far fronte alla crisi causata dall’emergenza Coronavirus. Questa l’idea lanciata dal premier Giuseppe Conte durante la sua ultima conferenza stampa del 3 giugno scorso. La prima riunione è prevista per domani, 12 giugno 2020, a Villa Doria Phampili a Roma. Tra dubbi e perplessità – soprattutto dall’opposizione – sono in tanti a chiedersi: cosa sono? Ma soprattutto, a che servono? Facciamo chiarezza su questa speciale “convocazione”.

Ti consigliamo come approfondimento – Discoteche, cinema e teatri pronti alla riapertura: l’Italia torna alla normalità

Stati Generali: cos’erano e cosa sono oggi

conte stati generali

Gli Stati Generali erano un organo di rappresentanza collegiale strutturatosi nel Regno di Francia prima della rivoluzione del 1789. Nato come uno strumento di limitazione del potere monarchico, l’assemblea degli Stati Generali coinvolgeva i rappresentati di tutti e tre gli ordini – o, per l’appunto Stati – alla base della società francese: clero, nobiltà e terzo Stato (la piccola e grande borghesia). Furono convocati per la prima volta il 10 aprile del lontano 1302, dal re Filippo il “Bello”. Si riunirono invece per l’ultima volta proprio nel 1789, quando divennero un’Assemblea nazionale costituente.

Tornando invece a oggi, quali sono gli Stati Generali convocati da Conte? Si tratta di parti socialisindacati, Confindustria, Confcommercio, Confagricoltura e Pmi soggetti economici e rappresentanti politici chiamati in riunione per confrontarsi in maniera più diretta sull’attuale situazione italiana. Gli Stati Generali di oggi sono dunque una serie di “incontri” tra gli esponenti politici, economici e sociali del nostro Paese. Tutti gli “Stati” in gioco, insieme anche a “singole menti brillanti” contribuiranno al lavoro già iniziato dal comitato tecnico-scientifico, con un unico obiettivo: rimettere in piedi l’Italia.

Il primo incontro: le opposizioni

conte mes decreto stati generaliIl primo incontro è previsto per venerdì 12 e si inizierà con i rappresentanti politici. Il premier e le opposizioni si interfacceranno per riuscire a coordinarsi nel modo migliore. Ma non mancano le critiche:

Matteo Salvini della Lega reagisce con sarcasmo: “Non so ancora nulla, non so dove, come, quando e perché, poi vado, per carità”;
Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia non tarda a fa presente alcune perplessità: “Non ho capito bene che cosa siano. Mi pare che ci sia enorme confusione”.

Berlusconi si discosta invece dalle critiche e sembra ben propenso a partecipare alla riunione: “Sono sicuro che si debba andare. Decideremo una linea comune e parteciperemo a un appuntamento che, pur tardivamente, va nella strada che abbiamo indicato. Speriamo che stavolta l’ascolto non sia soltanto formale”.

Ti consigliamo come approfondimento – Manifestazioni e assembramenti: è vero che la sinistra può e la destra no?

I prossimi incontri

Festa della Repubblica stati generaliIl secondo appuntamento è previsto per sabato 13 giugno 2020, con gli incontri internazionali. Parteciperà sicuramente il Presidente del Parlamento europeo David Maria Sassoli, e forse anche la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Probabilmente gli incontri continueranno per l’intera settimana prossima. Che gli Stati Generali siano l’occasione giusta per far “risorgere” l’Italia? Il premier ne è convinto, in tanti dissentono, tanti altri ancora non hanno le idee chiare. Una cosa è certa: un termine ormai in disuso è improvvisamente tornato di moda e addirittura schizzato tra i trend di Google e di tutti i social network. A quanto pare, gli Stati Generali sono tornati, ma stavolta non c’è un re da combattere: solo un virus silenzioso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − nove =