Pomigliano, chiude la stazione di Parco Piemonte: troppi atti vandalici e reati

0
74
Stazione circumvesuviana Parco Piemonte chiusa
Fonte Mattino.it

Stazione circumvesuviana Parco Piemonte chiusa: la stazione da domani chiuderà a causa del numero elevato di danni e reati. Infatti, spesso la stazione della Circumvesuviana è stata vandalizzata ed è stata sede di alcuni reati. L’Eav decide di chiuderla a causa dei troppi soldi spesi per una sorveglianza ritenutasi inutile.

Ti consigliamo come approfondimento-Pomigliano d’Arco, rapina McDonald’s: vigliante ferito e rapinatori in fuga

Stazione circumvesuviana Parco Piemonte chiusa: troppi reati

Una delle stazioni della Circumvesuviana situate sul territorio pomiglianese da domani sarà chiusa al pubblico. Si tratta della stazione di Parco Piemonte nei pressi del parco Amici di Pomigliano d’Arco. La decisione da parte dell’Eav è arrivata dopo gli ennesimi atti vandalici avvenuti nella stazione. L’azienda pare abbia speso quasi due milioni di euro per la sicurezza e la sorveglianza delle stazioni, ma in questo caso invano. Infatti, i danni causati dai continui raid di teppisti sono troppo frequenti.  C’è troppa gente che entra nella stazione e spacca vetri, appicca il fuoco e, ovviamente, dà fastidio ai passeggeri. Inoltre, ci sono anche diversi reati che si verificherebbero nella stazione e nelle sue vicinanze. Molti sarebbero i casi di spaccio di droga, rapine ai viaggiatori e furti delle macchine nel parcheggio adiacente. La situazione era diventata ingestibile.

Ti consigliamo come approfondimento-Pomigliano d’Arco, arriva l’ordinanza di Del Mastro: vietati alcol e assembramenti per gli studenti

Stazione circumvesuviana Parco Piemonte chiusa: sarà un danno?

treno sciopero circumvesuvianaIn una nota, l’Eav specifica che il Comune di Pomigliano è servito anche dalle stazioni di Pomigliano d’Arco e Pratola Ponte. Ma per un utente che vive da quelle parti non è certo la stessa cosa. Per dovere di cronaca bisogna, però, dire che a pochi metri c’è la stazione di Talona. C’è la consapevolezza che alcune stazioni della Circumvesuviana sono ormai in balia della delinquenza. Che Parco Piemonte sia una fermata a rischio, è noto già da tempo. Infatti, sui social circolano racconti e anche foto e video che documentano le difficoltà di chi la frequenta. Inoltre, la stazione è anche priva di personale e chi prende il treno deve arrivarci già munito di biglietto. Ovviamente, la presenza di un bigliettaio o di un capostazione non avrebbe cambiato molto le cose.

Ti consigliamo come approfondimento-Un quartiere reso invivibile dalle violenze e dai furti di una banda di rom

Stazione circumvesuviana Parco Piemonte chiusa: parla l’Eav

ragazzo circumvesuviana
Logo dell’EAV

Sulla vicenda è intervenuto Gennaro Conte, capotreno e sindacalista di Orsa. Conte ha detto: “L’abbandono del territorio, sia da parte delle istituzioni che della stessa Eav, viene percepita da alcuni soggetti come una possibilità per fare quello che vogliono.” Inoltre, ha parlato anche il security manager di Eav, Giovanni Minervini. Minervini ha dichiarato:Facciamo uno sforzo enorme per garantire la sicurezza in Circumvesuviana, spendiamo un milione e 900mila euro per la vigilanza. Collaboriamo con le Forze dell’Ordine e i risultati si vedono, perché tutti i reati sono in calo. Il controllo di certe stazioni è complicato, è inutile nasconderlo: un presidio permanente è impossibile. Per altre stazioni a rischio abbiamo trovato soluzioni interessanti, affidandole alle associazioni di volontariato dopo averle riqualificate. Oggi a Brusciano, Castello di Cisterna e San Vitaliano le stazioni sono vissute tutto il giorno, sono diventate presidio di legalità, vengono allestite iniziative di solidarietà e partecipazione.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 5 =