2020 anno delle stelle: gli eventi più belli. Come e quando ammirarli

0
340
stelle

A dare il benvenuto al nuovo anno è una pioggia di stelle cadenti, prevista per i giorni 3 e 4 gennaio. Naso all’insù quindi per i più curiosi, che potranno ammirare lo spettacolo senza che la luce della luna li disturbi. Dopo due anni anche Marte torna protagonista. Il pianeta si mostra più luminoso che mai, mentre la Luna, più discreta, ci aspetta per mostrarci un’eclissi di penombra. Il Sole, invece, offrirà un’eclissi anulare e una totale.

Ti consigliamo come approfondimento – Epifania: la Befana a Napoli tra fede religiosa e tradizione popolare

Stelle: il cielo dà il benvenuto 2020

È il cielo a dare il benvenuto al 2020 in modo spettacolare. In particolare, saranno le Quadrantidi, l’importante sciame meteorico visibile nel mese di gennaio. Le meteore sono già attive dal 26 dicembre e resteranno tali fino al 13 gennaio. Le attività più intense sono nella settimana dal 1 al 6 gennaio, con un picco nei giorni 3 e 4. In modo particolare, lo sciame di stelle sarà visibile dopo la mezzanotte, quando il radiante sarà più alto sull’orizzonte.

L’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope, ha dichiarato che quello delle Quadrantidi è uno spettacolo che non delude mai!

Dall’Italia centro-settentrionale il radiante è visibile per tutta la notte, anche se più alto da mezzanotte in poi. Da Napoli in giù l’osservazione sarà invece meno agevole, poiché il radiante risulta tramontare verso le 20, per poi sorgere nuovamente poco dopo.

Ti consigliamo come approfondimento – Joan Mirò: il maestro del surrealismo in mostra al PAN

Quadrantidi: cosa sono e in cosa consiste lo spettacolo di inizio anno?

Chiamate Quadrantidi o Bootidi, per la loro vicinanza alla costellazione del Boote, queste stelle cadenti hanno un’origine ancora misteriosa e dibattuta. L’UAI (Unione Astrofili Italiani) avalla diverse ipotesi, facendole derivare:

  • Da una cometa ora disintegrata;
  • Dalla Machholz_1; 
  • Dalla 1491_Y1 migliaia di anni fa;
  • Dall’asteroide 2003_EH1.

Come molti sciami di stelle, anche questo dovrebbe prendere il nome da una costellazione. In questo caso la costellazione sembrerebbe non esistere più. Stando a quanto riferito da Earth Sky, serie radiofonica statunitense di informazioni su scienza e natura, la costellazione era la Quadrans Muralis, che si trovava tra le costellazioni Boote e Drago. La Quadrans Muralis è una della più note tra le costellazioni obsolete, inventata nel 1700 dall’astronomo francese Joseph Jérôme de Lalande, direttore dell’osservatorio dell’École Militaire di Parigi.

Ti consigliamo come approfondimento – Occhiali a realtà aumentata, arrivano le lenti che vedono il futuro

Gli spettacoli naturali che ci aspettano nel 2020

eclissi solareAbbiamo già accennato che il 2020 è l’anno degli spettacoli celesti. La Luna, il Sole e anche Marte faranno molto parlare di loro. Tra i primi spettacoli dopo quello delle Quadrantidi abbiamo:

  • La Luna, che il 10 gennaio e il 5 giugno offrirà eclissi di penombra. Attraverserà la zona di penombra della Terra senza essere occultata dall’ombra;
  • Il 21 giugno è la volta del Sole e della sua splendida eclissi anulare. Questa sarà ben visibile in Africa, in Asia e nella parte meridionale dell’Italia;
  • Il 14 dicembre avremo invece un’eclissi solare totale, visibile in Cile e Argentina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here