Stipendi statali, aumenti in busta paga fino a 10mila euro: ecco i beneficiari

0
857
stipendi statali

Stipendi statali in arrivo aumenti nella busta paga dei dipendenti. Un ingente aumento a partire da marzo 2022. Si tratta di circa 140mila dipendenti. Ci sarà una variazione nello stipendio incentivata anche dalla retribuzione di diversi arretrati dei mesi e anni precedenti. Ecco chi sono i dipendenti interessati. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Asl Napoli 1 gonfiati gli stipendi con il software: 18 dipendenti arrestati per truffa

Stipendi statali: chi sono i destinatari dell’aumento 

stipendi statali, agenzia delle entrate circolare decreto ristori Inps Regione Campania reddito di emergenza, bonus donne disoccupate 2021, bonus affitti contributo fondo perdutoAumento in busta paga riguarderà i dipendenti della pubblica amministrazione. Più nello specifico i lavoratori statali dei Ministeri. In particolare gli incrementi maggiori saranno per i Ministeri di: 

  • Salute; 
  • Lavoro;
  • Istruzione;
  • Università;
  • Esteri;
  • Politiche Agricole.

Si tratterà di un incremento in busta paga che potrebbe raggiugnere per alcuni anche i 10mila euro annui. Ad aumentare considerevolmente la cifra saranno anche gli stipendi arretrati. Statisticamente parlando l’incremento medio sarà di circa 1625 euro erogati su 13 mensilità. Cifra a cui specificamente per ogni dipendente verranno sommati le retribuzioni arretrate dei mesi o anche anni precedenti. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Inps, la quarantena non è considerata malattia. Via il 50% dello stipendio

Stipendi statali: la cifra cambia in base alla posizione lavorativa 

stipendi statali, lavoro ministero concorsoL’aumento fino ad una cifra calcolabile di 10.458 euro beneficerà in maniera diversa i dipendenti ministeriali. Rilevante infatti sarà la posizione che ricoprono. Gli aumenti sono infatti stati erogati con un inquadramento in base al livello. Più si sale di livello e di mansione più la cifra aumenta. Da un aumento minimo di 180 euro lordi al mese si può raggiungere un massimo di 302 euro mensili per “i dipendenti con elevate professionalità”. Gli aumenti sono da spigarsi sia per un adeguamento delle indennità ministeriali ma anche per il rinnovo del contratto nazionale. Questa ragione in particolare permette di ricevere gli arretrati dovuti e “congelati” da diverso tempo.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × tre =