Stop Green Pass e obbligo vaccinale: arrivano le date dal Governo

0
387
Stop Green Pass; stop super green pass

Stop Green Pass e via l’obbligo vaccinale? Il Governo italiano ha fornito le date in cui il gli obblighi del certificato verde e della vaccinazione verranno meno. Gli ultimi chiarimenti sono arrivati dal Ministero del Lavoro nella nota prot. 2003/2022. I primi cambiamenti sono arrivati lo scorso 15 febbraio, quando la regolamentazione del Green Pass è cambiata in base all’età dei lavoratori. “Nei prossimi giorni inizierà una fase graduale di allentamento”, ha dichiarato il Sottosegretario alla Salute, Andrea Costa.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, Cina e Germania: Wuhan in lockdown, a Berlino 250 morti al giorno

Stop Green Pass dal primo aprile: le novità per under e over 50

Stop Green PassIl prossimo 31 marzo, con il termine dello stato di emergenza, molte cose inizieranno a cambiare. Le misure si allenteranno, specialmente per quanto riguarda l’entrata nei luoghi pubblici e lo stop Green Pass.

Dal primo aprile, infatti, verrà abrogata la certificazione verde per tutti gli under 50. “L’obbligo vaccinale per gli over 50 resta fino al 15 giorno prossimo. Comprensivo della sanzione di 100 euro per chi non si è vaccinato. La valutazione che stiamo facendo è di verificare l’opportunità, pur mantenendo l’obbligo vaccinale fino al 15 giugno, di anticipare la possibilità per gli over 50 di andare a lavoro con il Green Pass base, anziché quello rafforzato. Ossia, facendo il tampone rapido ogni due giorni. Un’ipotesi che potrebbe dare la possibilità di tornare a lavoro per chi non si è vaccinato e anche per allentare la tensione”. Così ha dichiarato il Sottosegretario alla Salute, Andrea Costa.

Ti consigliamo come approfondimento – Concorso volontari VFP1 2022, 6000 posti nell’Esercito: ecco come partecipare

Stop Green Pass: il cronoprogramma dei cambiamenti

Stop Green PassOltre allo stop Green Pass, il Governo sta stilando il calendario degli allentamenti delle misure. “Nei prossimi giorni verrà stabilito un cronoprogramma e dal primo aprile inizierà una fase di graduale allentamento. Ci saranno situazioni in cui il Green Pass non sarà più necessario, ad esempio per bar, ristoranti e altri locali all’aperto. Credo sicuramente questo da aprile non sarà più necessario. Poi si procederà con altri allentamenti e credo che entro giugno avremo uno scenario che ci consentirà di arrivare all’estate senza restrizioni”, ha aggiunto Costa.

Uno dei primi cambiamenti in programma è la visita ai parenti ospedalizzati. Dopo uno stop lungo ben due anni, da giovedì 10 marzo si potrà ritornare a visitare i cari in ospedale. Lo si potrà fare per un totale di 45 minuti al giorno e solo se ci si è sottoposti alla terza dose di vaccino. Chi ha solo due dosi potrà in alternativa presentare un tampone effettuato non oltre 48 ore prima. Stessa regola vale per le visite nelle RSA.

Ti consigliamo come approfondimento – A Napoli scarseggia la farina, De Luca: “Prezzo del pane destinato a salire”

Stop Green Pass: contagi in aumento, ma via le mascherine

Stop Green PassPrima dello stop Green Pass, un’altra boccata d’aria arriva da cinema, teatri e stadi. In questi luoghi, da giovedì 10 marzo, è possibile finalmente consumare cibo e bevande. Seguendo l’andamento della circolazione virale, entro la fine di marzo verrà eliminato anche il distanziamento sociale. Entro Pasqua, quindi a metà aprile, è probabile che verranno eliminate le mascherine al chiuso.

Si sta registrando un lieve aumento dei contagi. Non solo in Italia, ma anche in altri Paesi europei. Non è pero significativo finché non si vede un aumento dei ricoveri, che per ora non c’è. Questo incremento è, verosimilmente, dovuto alle sottovarianti di Omicron, di cui una è più diffusa di Omicron stessa. Si verifica soprattutto tra i non vaccinati, in tutte le fasce d’età, prevalentemente adolescenziali”. Così ha commentato l’andamento dei contagi Pierpaolo Sileri, Sottosegretario alla Salute, durante la trasmissione Mediaset “Mattino 5”.

La maggior circolazione non si traduce in aumento di ricoveri. Quindi, la situazione è francamente sotto controllo”, ha rassicurato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 4 =