Strage della funivia: migliorano le condizioni di Eitan, ma gli indagati sono fuori dal carcere

0
201
Tragedia funivia Stresa, strage funivia eitan

Strage funivia Eitan: migliorano le condizioni del piccolo di 5 anni, unico sopravvissuto nella strage Stresa-Mottarone avvenuta domenica scorsa. Intanto il giudice non convalida i fermi di due delle tre persone coinvolte. Resta ai domiciliari solo il caposervizio Gabriele Tadini.

Ti consigliamo questo approfondimento – Tragedia della funivia Stresa-Mottarone: si indaga per omicidio colposo plurimo

Strage funivia Eitan: migliorano le condizioni del piccolo sopravvissuto

covid, strage funivia eitanMigliorano le condizioni del piccolo Eitan. Il piccolo ricoverato in sala intensiva all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino ha iniziato a mangiare. Eitan non è ancora fuori pericolo me i medici sono ottimisti sulle sue condizioni di salute. Per ora il piccolo sopravvissuto resta in rianimazione per precauzione e la prognosi è ancora riservata. Tuttavia presto potrebbe essere sciolta. Una volta avvenuto ciò Eitan sarà finalmente fuori pericolo. Accanto al piccolo, che appena sveglio ha chiesto della sua mamma, la zia Aya e la nonna. A disposizione della famiglia di Eitan anche un sostegno psicologico. Al bambino – che per ora non ricorda nulla dell’incidente – non verrà nascosto nulla, secondo il consigliano dei medici, ma gli verrà detta la verità procedendo con calma.

Ti consigliamo questo approfondimento – Jason Duspaquier non ce l’ha fatta: morto dopo il gravissimo incidente di Moto3

Strage funivia Eitan: gli indagati escono dal carcere

trans arresto droga, strage funivia eitanIntanto continuano le indagini. La magistratura indaga su altri possibili nomi coinvolti. Potrebbero essere a conoscenza del fatto anche alcuni dipendenti della funivia. Il giudice però non convalida i fermi di Luigi Nerini e Enrico Perocchio, entrambi liberati. Resta ai domiciliari per ora solo il caposervizio Gabriele Tadini che aveva deciso di lasciare inseriti i ceppi per bloccare i freni di emergenza. Non ci sono prove invece per trattenere il gestore della funivia e il direttore di servizio. Secondo Gabriele Tadini gli altri due sarebbero stati a conoscenza della decisione. Ma i due negano il loro coinvolgimento. Intanto secondo la testimonianza di un dipendente della funivia il caposervizio ordinò di far funzionare l’impianto con i ceppi inseriti, a causa di alcune anomalie. La decisione sempre secondo il testimone, fu presa anche se non erano garantite le condizioni di sicurezza necessarie.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 5 =