Lo stralcio delle cartelle esattoriali sarà possibile entro il 31 ottobre 2021

0
197
Stralcio cartelle esattoriali

Lo stralcio cartelle esattoriali fino a 5.000 euro avverrà entro il 31 ottobre 2021, in tempo per la riscossione delle rate in scadenza nel 2021, il cui termine ultime è fissato al 30 novembre 2021. L’Agenzia delle Entrate ha previsto sul sito una procedura di verifica sullo stralcio. Tutti questi provvedimenti sono contenuti nel testo del Decreto Sostegni.

Ti consigliamo come approfondimento – Cartelle esattoriali sospese da marzo 2020: da pagare entro il 2 agosto

Stralcio cartelle esattoriali: prorogata la scadenza

decreto sostegni Draghi Al 31 luglio era stabilito il termine entro il quale effettuare il pagamento delle rate per l’anno 2020 della “Rottamazione-ter” e del “Saldo e stralcio”. Nel Decreto Sostegni la scadenza è stata prorogata dal 31 luglio 2021 al 30 novembre 2021. I contribuenti potranno quindi effettuare i pagamenti dovuti entro il 30 novembre, per le rate in scadenza nel 2021.

Tale modifica riguarda l’articolo 68, comma 3 del Decreto-legge n.18 del 2020. Sono inoltre state cancellate le cartelle esattoriali contenenti i debiti dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010. Tali debiti riguardano quelli che, alla data di entrata in vigore del “Decreto Sostegni”, hanno importo residuo fino a 5.000 euro.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus Sostegni bis: pagamenti sospesi o in ritardo. Ecco il motivo!

Stralcio cartelle esattoriali: sanatoria in fase operativa

contantiIl Decreto Sostegni è stato approvato e firmato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF). La sanatoria come stabilito dal “Rottamazione-ter” è stata prorogata al 30 novembre 2021. Adesso entra in fase operativa con un percorso a tappe che si concluderà il 31 ottobre 2021Infatti, entro tale data, dopo le due fasi preliminari, l’Agenzia delle Entrate disporrà dei codici fiscali degli interessati allo stralcio dei debiti fino a 5.000 euro. Provvederà, dunque, allo stralcio dei debiti risultanti dai singoli carichi affidati all’Agente dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010 e che, alla data di entrata in vigore del decreto in oggetto, hanno importo residuo fino a 5.000 euro (comprensivi di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni).

La stima della Ragioneria di Stato è di 2,5 milioni di soggetti/società interessati. La cancellazione dei debiti 2010-2020 non interesserà coloro che hanno un reddito imponibile oltre i 30.000 euro.

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi oggi sul Decreto Sostegni: “Più soldi possibili in breve tempo”

Stralcio cartelle esattoriali: procedura online

studente didattica a distanza computer pc donna ragazza lavoro concorso coprifuoco lazioL’Agenzia delle Entrate ha previsto sul sito una procedura per verificare lo stralcio e la propria posizione della Definizione agevolata. Sarà quindi possibile ricalcolare la posizione debitoria con lo stralcio delle cartelle esattoriali fino a 5.000 euro.

I moduli da utilizzare per il versamento delle rate ancora dovute potranno essere stampati in autonomia. Tali rate saranno calcolate al netto delle somme relative ai suddetti carichi fino a 5.000 euro stralciati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 2 =