Studente Italiano arrestato e maltrattato a Miami: “Mi sentivo senza scampo”

0
247

Studente italiano arrestato Miami. Matteo Falcinelli, studente italiano a Miami, è stato arrestato e maltrattato dalla Polizia americana. I video degli abusi subiti dal ragazzo hanno fatto il giro del mondo. “Avevo perso ogni speranza. Non potevo telefonare, ero abbandonato” dichiara il ragazzo.

Ti consigliamo come approfondimento – George Floyd: verdetto storico, l’agente Chauvin condannato all’unanimità

Studente italiano arrestato Miami: il video shock fa il giro del mondo

Studente italiano arrestato MiamiStudente italiano arrestato Miami. Per il 25enne Matteo Falcinelli l’incubo del suo arresto continua ogni giorno. Il giovane è stato arrestato e “incaprettato” dalla Polizia di Miami in Flordia tra il 24 e il 25 febbraio. Questa modalità d’arresto è illegale in Italia ma anche negli Usa. Tuttavia viene utilizzata oltre oceano e viene utilizzata molto spesso come testimoniano anche i diversi video che di tanto in tanto inondano il web. Per questo genere di manovra ricordiamo che è venuto a mancare George Floyd, l’afroamericano morto in seguito all’arresto che qualche anno fa diede il via al movimento “Black Lives Matter”. Matteo Falcinelli a distanza di oltre due mesi da quella terribile esperienza ha deciso di parlare e di testimoniare al mondo l’incredibile violenza a cui è stato sottoposto solo per aver sfiorato il cartellino di riconoscimento presente sulla divisa di un Poliziotto americano.

Ti consigliamo come approfondimento – Shock, cinque agenti massacrano a morte un afroamericano: autorità diffondono i video!

Il racconto di Matteo: “Sono ancora in quella cella”

Studente italiano arrestato MiamiMatteo racconta tutte le torture subite, le violenze patite ma anche la solitudine di quei tragici momenti. “Mi sentivo una pedina in mano di altri” racconta il giovane che prosegue spiegando l’ “incaprettamento” subito per oltre 13 minuti. Questa tecnica utilizzata per costringere in terra il ragazzo può anche portare alla morte in pochissimi minuti come successo per George Floyd. Legato mani e piedi il giovane ha subito delle torture tali che gli risulta impossibile cancellare dalla mente. “Ogni mattina è come se fosse accaduto ieri. La mia testa è sempre lì, in quella cella” dichiara il 25enne originario di Spoleto. Il giovane in quella situazione si trovava disperato, senza speranza e senza neanche la possibilità di mettersi in contatto con la sua famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento – Anonymous contro la polizia americana: giustizia per George Floyd

Fuori dall’incubo grazie a un compagno del campus

Studente italiano arrestato MiamiProprio quando il mondo sembrava ormai essergli crollato addosso però Matteo viene tirato fuori dal carcere da un suo compagno del campus dove studiava. L’amico è riuscito a rintracciarlo al Tgk Correction Center ed ha pagato la cauzione di 4mila dollari prevista per farlo uscire. “Solo quando ho sentito la sua voce ho capito che potevo farcela. Non so cosa avrei fatto senza di lui. Mi ha cercato quando si è accorto che non ero rientrato. Non lo dimenticherò mai” racconta Matteo parlando di come sia riuscito a venir fuori da quella tremenda situazione. L’intero campus frequentato dal giovane italiano dopo che la sua storia è stata divulgata si è schierato al suo fianco inondandolo di messaggi e di solidarietà.