Firenze, stuprata nel bagno in discoteca mentre fuori la gente aspettava in fila

0
578
Ragazza violentata discoteca

Stupro discoteca, emerge ancora una volta l’ennesimo caso di violenza sessuale questa volta ai danni di una turista straniera. La violenza si sarebbe consumata nel bagno di una discoteca nelle prime settimane di giugno. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Figlia violentata, l’uomo era già ai domiciliari per abuso sui minori

Stupro discoteca, il racconto della vittima

napoli rave party abusivo festa yacht, stupro discoteca La vittima è una turista australiana in visita a Firenze che lo scorso 18 giugno era uscita in un locale. La violenza si sarebbe consumata mentre era in bagno. La ragazza sarebbe stata seguita in bagno e qui sarebbe stata violentata. “Chiedevo aiuto e nessuno mi sentiva, anche se c’erano persone in fila per entrare. Dopo che lui è andato via mi sono accasciata per terra. Una ragazza è entrata e mi ha rimproverato perché occupavo il bagno da troppo tempo, allora le ho detto che mi hanno violentata. Lei ha girato le spalle e se ne è andata”. Sarebbe questa la prima testimonianza della vittima sull’accaduto. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Cagnolino tradisce latitante, il boss Cacciapuoti arrestato a Varcaturo

Stupro discoteca: le indagini

stupro Firenze Mentre la ragazza si trovava ancora a terra distrutta dalla violenza, sarebbe stata soccorsa da alcune ragazze inglesi che si trovavano nel locale. La sera stessa la giovane avrebbe sporto denuncia. Le indagini si sono perpetuate per oltre un mese, ma alla fine una settimana fa l’aggressione è stato identificato e arrestato. Si tratta di un giovane di 26 anni. Il ragazzo è stato identificato sia dalla vittima, ma anche inchiodato dalle telecamere di sorveglianza interna presenti nel locale. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Stupro Palermo, minorenne torna in carcere. Altri video su TikTok in cui si vantava

Stupro discoteca: arrestato prima di un altro abuso 

Napoli latitante arrestato, agguato ponticelli; napoli carabinieri arrestati, Daniele Carlomosti, stupro discoteca Lo staff dea discoteca sarebbe stato essenziale per allertare le forze dell’ordine, infatti i proprietari del locale sono stati i primi a ispezionare i filmati per identificare il giovane. Durante un’altra serata lo avrebbero riconosciuto perché indossava gli stessi vestiti. La ragazza racconta di essere stata approcciata sulla pista da ballo, dopo essere stata avvicinata al bancone, la ragazza si sarebbe allontanata per andare in bagno, ma sarebbe stata seguita. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × due =