Stupro Palermo, la vittima picchiata in strada dall’ex fidanzato perché aveva denunciato

0
780
Molestatore assolto donna sovrappeso

Stupro Palermo ex fidanzato avrebbe schiaffeggiato in strada la ragazza dopo che la notizia dello stupro era uscita fuori e lei aveva denunciato. Il pm indaga su questa ulteriore vicenda, mentre tutti gli accusati dello stupro sono ancora in carcere. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Lasciano il cane incatenato sul balcone, il cucciolo di 4 anni si impicca per liberarsi

Stupro Palermo ex fidanzato: l’aggressione dell’ex fidanzato 

Palermo stupro gruppo chat, stupro palermo ex fidanzato Spuntano ulteriori dettagli riguardo la vicenda dello stupro di Palermo. Dopo settimane dagli arresti e dalle prime dichiarazioni sulla vicenda sputano ulteriori dettagli sulle settimane successive alla denuncia della ragazza. In particolare la giovane avrebbe rivelato di essere stato raggiunta in strada dall’ex fidanzato e di essere stata schiaffeggiata e rimproverata per il polverone che aveva causato. Il ragazzo non sembra facesse parte del gruppo incriminato. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Nuovo blitz Caivano. Meloni: “Non mi faccio intimidire dalle stese”

Stupro Palermo ex fidanzato: le nuove indagini 

baby gang palermo, stupro palermo ex fidanzato I Carabinieri indagano ora su un ulteriore pista. Si cerca di capire se il ragazzo fosse a conoscenza delle intenzione del gruppo contro la ragazza. In particolare si cerca di delineare se lo stupro di gruppo fosse stato organizzato come punizione da parte dell’ex fidanzato. Seppur il ragazzo non sembra avere legami con i ragazzi incriminati, si indaga su un possibile accordo tra il giovane e uno dei ragazzi incriminati. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Allerta a Roma, maniaco lancia feci con le auto delle giovani ragazze: le denunce sui social

Stupro Palermo ex fidanzato: le prime dichiarazioni pubbliche della vittima

Stupro Palermo cellulari, stupro palermo ex fidanzato Intanto continuano gli interrogatori degli accusati che sono al momento tutti in carcere in attesa del processo. La ragazza di cui si è tutelata l’identità ha rilasciato solo una dichiarazione pubblica tramite una lettera in cui si è rivolta all’opinione pubblica pregandola di smetterla con gli insulti contro di lei. “Mi fate ribrezzo, e pensare che stavo cadendo nella vostra trappola. Siete delle bestie. Io posto quello che voglio, non è che se mi dite tro.. cambia qualcosa nella vostra misera vita. Non guardatemi e basta. Per colpa vostra il mondo è pieno di fanghi generati da voi e i vostri concetti”.