Shock Bologna: 23enne bullizzato si suicida in diretta su TikTok

0
497
Suicidio TikTok

Suicidio TikTok. Il gesto estremo del TikToker “Inquisitor Ghost” avvenuto davanti a migliaia di utenti. Gli utenti hanno avvertito il 118 e i carabinieri ma per il giovane 23enne non c’è stato niente da fare. Dalle ricostruzioni fatte in rete pare che il ragazzo fosse vittima di Cyber bullismo.

Ti consigliamo come approfondimento- Uomo nudo in fuga a Roma inseguito da una ragazza: video virale sui social

Suicidio TikTok Bologna. Il giovane 23enne decide di farla finita dinanzi a migliaia di utent

napoli ragazzo cade via petrarca, Suicidio TikTokInquisitor Ghost era diventato una star di Tik Tok. Si vestiva come uno dei personaggi del videogioco Call of Duty ed era seguitissimo sulle piattaforme e nelle comunity del gioco. Il suo profilo, subito censurato dal social network, contava oltre 300mila follower. Si è suicidato in diretta su TikTok mentre i suoi follower lo stavano seguendo. Martedì sera a Bologna il 23enne noto sui social come “Inquisitor Ghost” si è tolto la vita in diretta. Gli utenti hanno chiamato 118 e Carabinieri per cercare di soccorrerlo ma non è servito a nulla. In rete sono circolate diverse ricostruzioni dell’accaduto. Secondo gli utenti il giovane sarebbe stato vittima di cyberbullismo. Il ragazzo avrebbe conosciuto in internet una ragazza dichiaratasi maggiorenne ma che in realtà aveva 17 anni. Da qui sono partite numerose accuse di pedofilia a suo carico.

Ti consigliamo come approfondimento- Allerta a Roma, maniaco lancia feci con le auto delle giovani ragazze: le denunce sui social

Le dinamiche del suicidio

bambina costretta pedopornografia ragusa, Suicidio TikTokIn queste ore molti creators italiani e non della piattaforma hanno realizzato numerosi video in cui si mette in luce la probabile dinamica degli eventi. Secondo quello che emerge dalle prime ricostruzioni il giovane bolognese avrebbe conosciuto una ragazza nella fandom di Call of Duty. Dopo che lei aveva detto di essere maggiorenne avevano cominciato a scambiarsi dei messaggi in chat. In realtà la ragazza era una 17enne e pare che abbia diffuso le chat con diversi creator della comunity di Call of Duty che le avrebbero ricondivise. Da qui si sono mosse nei confronti del 23enne accuse di pedofilia ed è iniziata una vera e propria ondata d’odio. Il giovane bolognese aveva smesso di postare video fino a martedì sera quando in una live si è tolto la vita.

Ti consigliamo come approfondimento- Follia social: influencer tedesco distrugge statua dell’800 a Varese

Inquisitor Ghost ennesima vittima del “sistema-social” : le parole del padre

Suicidio TikTokSuicidio TikTok. In lacrime suo padre dichiara che il figlio era “l’anima più bella dell’universo, ucciso da alcuni falsi umani che si realizzano solo su TikTok”. Il genitoreera consapevole dell’originalità dei contenuti che il figlio condivideva sui social. Forte accusa alla comunity per aver inventato una storia falsa accusando il figlio di pedofilia. “Era così delicato dentro e non poteva sopravvivere per essere così gravemente diffamato. L’unico modo che ha trovato per proteggersi dal disonore e dimostrare la sua innocenza è stata la sua morte”