Suocera picchia la nuora e la chiude in casa: condannata a 2 anni e 6 mesi

0
839
Suocera picchia nuora

Suocera picchia nuora e la chiude in casa obbligandola a fare i servizi. La donna restava anche senza cibo ed era costretta a cercare cibo nella spazzatura. I fatti risalirebbero al 2019 e la suocera venne condannata in primo grado a due anni e sei mesi di reclusione. La pena, dopo la testimonianza della donna, pare sia stata confermata.

Ti consigliamo come approfondimento-Omicidio Elena, madre svela gli ultimi istanti in vita della figlia: “Ha mangiato un budino poi l’ho colpita”

Suocera picchia nuora con una mazza

Avellino ragazza incatenataLa suocera avrebbe picchiato la nuora con una mazza e l’avrebbe rinchiusa in casa a fare i servizi. Inoltre, la costringeva a restare senza cibo e la donna lo cercava nella spazzatura. Questo è quello che è successo ad una giovane donna in provincia di Mantova nel 2019. La donna riuscì a sporgere denuncia e la suocera venne condannata in primo grado a due anni e 6 mesi di reclusione. All’epoca venne accusato anche Davide Leasi, il marito della donna. L’uomo venne accusato di maltrattamenti e sequestro di persona.  Il 42enne, originario di Ceresara (Mantova), è stato però assolto perché il fatto non sussiste. Il pubblico ministero Silvia Bertuzzi avrebbe chiesto tre anni di condanna per lui. Ma la giudice, Raffaella Bizzarri, lo ha assolto. Il difensore dell’uomo, Sebastiano Spagnoli, sosteneva che l’uomo non era a conoscenza dei maltrattamenti e pertanto non poteva esserne complice. La moglie avrebbe confermato.

Ti consigliamo come approfondimento-Accusato di violenza per simulazione di stupro sul set con 5 minorenni: regista rischia 10 anni di carcere

Suocera picchia nuora: condannata a 2 anni e 6 mesi

pulizia covid-19 calabria autodichiarazione, concorso cancellieri esperti decreto legge pasqua, riforma giustizia processo penale, processo clan mascitelli reddito cittadinanza, cina magistrato robotLa donna, infatti, vittima della suocera venne interrogata lo scorso ottobre in aula e lei stessa assolse il marito. Inoltre, la donna dopo la condanna non definitiva della suocera viveva ancora con lei. La nuora avrebbe in aula difeso la suocera e pare abbia testimoniato che la donna fosse cambiata. Ma, nonostante ciò, la svolta nel caso non c’è stata. Infatti, la suocera è stata condannata in via definitiva a 2 anni e sei mesi di reclusione per maltrattamenti nei confronti della giovane nuora. Dopo tre anni, quindi, si conclude l’ennesima violenza domestica contro una donna. L’ennesima violenza sulle donne che, questa volta, ha come vittima e carnefice una donna. In Italia, le donne vittime di violenze sono sempre di più. Non se ne può più. Bisogna trovare una soluzione.

Ti consigliamo come approfondimento-Giornata contro la violenza sulle donne: la strage del silenzio in Italia

Suocera picchia nuora: ancora un femminicidio

donna uccisa napoli,La notte scorsa, infatti, si è verificato l’ennesimo femminicidio: il marito ha ucciso a coltellate la moglie. L’omicidio è avvenuto in provincia di Udine, verso le due di notte. La donna, dopo l’ennesima litigata, motivo per il quale stavano per separarsi, è stata colpita a morte con un coltello da cucina. L’uomo avrebbe chiamato i Carabinieri per poi scappare. Le Forze dell’Ordine lo hanno rintracciato e arrestato. L’uomo è stato prima portato in ospedale e in seguito in caserma. L’uomo avrebbe confessato l’omicidio ma non avrebbe ancora dato alcun dettaglio dell’accaduto. Il delitto sarebbe avvenuto a pochi passi dalla stanza in cui dormivano le figlie della coppia. Fortunatamente le bimbe pare non si siano accorte di quanto accaduto. Sono stati gli uomini del 118 e dei carabinieri a svegliarle e portarle fuori dalla loro case affidandole ai nonni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove − 2 =