Tabaccaio del Gratta e Vinci rubato chiede scusa in lacrime: “Ho sbagliato”

0
288
tabaccaio napoli chiede scusa

Tabaccaio Napoli chiede scusa nel carcere in cui è rinchiuso, quello di Santa Maria Capua Vetere. A riferirlo al pubblico è il suo avvocato, Vincenzo Strazzullo, il quale nei giorni scorsi aveva richiesto una verifica del suo stato mentale.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli: il tabaccaio è stato arrestato. La signora cambia casa per paura!

Tabaccaio Napoli chiede scusa: “Ho capito di aver sbagliato”

napoli tabaccaioGaetano Scutellaro: questo è il nome che sta circolando sul web ormai da giorni. L’uomo è un tabaccaio napoletano di 57 anni, diventato celebre per aver sottratto un biglietto della lotteria di mezzo milione di euro a una signora anziana. Subito dopo è fuggito fuori Regione; è stato ritrovato all’aeroporto di Fiumicino, pronto a partire per una vacanza presso le Isole Canarie. I suoi movimenti sono stati ben seguiti dalle Forze dell’Ordine tramite delle intercettazioni telefoniche e grazie agli occhi di videocamere di sorveglianza. Al momento del fermo, l’uomo ha dichiarato che quel biglietto vincente gli appartenesse. È stato arrestato e verrà presto presentato a un giudice in tribunale. Poche ore fa, il suo legale difensore Vincenzo Strazzullo ha riferito un messaggio da parte del novello galeotto. “Ha capito di avere sbagliato, è pentito e si è scusato con tutti per quello che ha fatto. In lacrime ha chiesto perdono all’anziana signora”, è ciò che avrebbe detto.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, anziana vince 500mila euro con gratta e vinci. Tabaccaio la deruba

Tabaccaio Napoli chiede scusa, ma insultati anche figli e nipoti

napoli gratta e vinciLo scalpore che le azioni di Gaetano Scutellaro hanno scatenato non si è scatenato solo su di lui. Bensì anche sulla sua famiglia. Nell’occhio del ciclone c’è Salvatore Scutellaro, suo figlio, che lavora in un bar accanto alla tabaccheria del padre. “Quanto vale la vita, la serenità di una persona, più o meno di 500mila euro?”, è ciò che si domanda. “Noi siamo estranei a questa cosa. La Procura sta facendo delle indagini che daranno sicuramente un riscontro. Comunque sia il fatto noi non entriamo in questa vicenda. Vogliamo solo lavorare.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × due =