Taglio del consumo energetico del 5%: ecco quali elettrodomestici utilizzare e quando

0
1153
Taglio energia

Taglio energia: ecco come funzionerà il taglio all’energia del 5% stabilito dall’Unione Europea. Tale regolamento sarà recepito e gestito dai Paesi dell’Unione autonomamente. Stabilite in esso quali elettrodomestici utilizzare e in quale fascia oraria farlo.

Ti consigliamo come approfondimento-Caro bollette: riscaldamento a -1° e i negozianti riducono l’orario d’apertura

Taglio energia: regolamento stabilito dall’Ue

unione europea stellantisL’Unione Europea ha stabilito il regolamento sulla riduzione dei consumi di elettricità. Tale regolamento sarà gestito e operato dal prossimo governo in Italia. Il ministero competente sarà quello della transizione ecologica. Tale dicastero dovrà stabilire come applicare il taglio obbligatorio del 5% giornaliero della domanda di energia elettrica nelle ore di picco. Inoltre, bisognerà stabilire le fasce di intervento sui contatori, in carico alle società di distribuzione. Inoltre, dovranno essere stabiliti i criteri sui quali individuare le priorità di modulazione della potenza erogata agli utenti. La diminuzione della potenza dei contatori avverrà nelle ore di punta dei consumi di elettricità. Analizzando i dati dei mesi precedenti si stabilirà quale sarà l’orario con maggior picco e lì verranno applicate le riduzioni. Bisognerà, comunque, attendere il prossimo governo come detto. Al momento non dovrebbero esserci questi problemi.

Ti consigliamo come approfondimento-Ristoratore parla dell’aumento delle bollette: “Chiuderemo. Siamo al limite!”

Taglio energia: ore di picco

Secondo alcuni dati già raccolti le ore di picco dei consumi sono registrate tra le 9 e le 12 del mattino. Il picco massimo, di ieri per esempio, è stato registrato alle 11 e 15 con una potenza di 48,3 gigawatt e un consumo di oltre 48 gigawatt. In inverno gli orari di maggior consumo potrebbero essere anticipati a causa del buio. Ma il picco record nella storia d’Italia di 60,5 gigawattora, +17%, è stato toccato in piena estate, alle 15 del 22 luglio del 2015. Tale picco fu causato dalla massiccia accensione dei condizionatori e dalla produzione industriale. Ci dobbiamo chiedere se sarà possibile depotenziare i contatori. Al momento ciò non impossibile ma non è del tutto fattibile. Infatti, lo si può fare con i contatori digitali in cui va però aggiornato il software di lettura a distanza. Depotenziare milioni di utenze non sarà facilissimo ma non impossibile.

Ti consigliamo come approfondimento-Caro luce e gas, nelle case popolari non si pagheranno gli aumenti: “Se ne farà carico la Regione”

Taglio energia: uso elettrodomestici

Non è chiaro quanti elettrodomestici si potranno usare in contemporanea nelle ore di picco. L’unica cosa certa è che l’uso contemporaneo di elettrodomestici che producono calore rischia di far raggiungere la soglia consentita. Basti pensare che il forno e il phon possono raggiungere da soli 1 kilowatt di potenza. Se a questi si aggiungono lo scaldabagno e l’accensione di più lampadine il rischio di stacco, e di temporaneo blackout, diventa immediato. Le variabili, però, sono davvero tante. Infatti, in primis dipende dal modello di elettrodomestico o dal programma di accensione. Se si tratta di uno scaldabagno dipende dalla capacità in litri. Inoltre, lo stacco può dipendere dall’uso o meno di lampadine a led a basso consumo. Le stufe elettriche, le piastre per i capelli, phon, i forni, le cucine a induzione però consentono un grande risparmio di gas. Ma anche in questi casi dipende dalla modalità di funzionamento.