Talebani chiedono archeologi all’Italia per salvare il patrimonio culturale

0
223
talebani archeologi italiani,
Old armoured vehicles military escorts, guns and tanks in Gardez in Afghanistan

Talebani archeologi italiani richiesti per salvare il patrimonio culturale, anche quello pre Islam. Questa la richiesta fatta dal movimento islamita agli archeologi del Belpaese. A parlare è Abibullah Mujhaid, che dall’agosto 2021 fa parte della cerchia dei detentori del potere di Kabul. L’ex capo dell’informazione di Ghanzi afferma: “Abbiamo bisogno del sostegno dell’Italia e dei suoi specialisti per tutelare il nostro patrimonio culturale”.

Ti consigliamo come approfondimento – Afghanistan talebani verso il governo: “Chiediamo all’Italia di riconoscerci”

Talebani archeologi italiani: la richiesta di Mujhaid

kabul italiani, talebani archeologi italiani,Abibullah Mujhaid è stato capo dell’informazione di Ghazi, oggi al potere dopo la vittoria dei talebani. Quest’ultimo lancia un appello all’Italia all’insegna della pace e della salvaguardia della storia. “Abbiamo bisogno del sostegno dell’Italia e dei vostri specialisti per tutelare il nostro patrimonio architettonico”. Sottolinea come sia loro intenzione salvaguardare anche quello pre islamico. Sostiene infatti che: “La propaganda americana ci descrive come gente cattiva, ma siamo ospitali”. Questo quindi sarebbe il primo gesto per venire incontro e presentarsi all’occidente sotto nuove spoglie.

Ti consigliamo come approfondimento – Renzi vs Biden, sull’Afghanistan: “Ha sbagliato, non si tratta con i talebani”

Telbani archeologi italiani: la missione orientale italiana

Museo Maddaloni, talebani archeologi italiani,
Museo Archeologico di Maddaloni, la poesia dei reperti

“In seno all’Ismeo, l’Istituto Italiano per il medio ed estremo oriente” afferma Anna Filigenzi, docente dell’università Orientale di Napoli. Il riferimento è alla fondazione italiana dell’istituto nel 1957 da Giuseppe Tucci. “La nostra missione è quella di rintracciare archeologicamente la Ghazni islamica”. Qualcosa che: “Prima era nota solo esclusivamente dalle fonti, che ne illustravano l’importanza politica e lo splendore artistico”. Si tratta quindi di un progetto che troverebbe d’accordo entrambe le nazioni da un punto di vista storico-culturale. Il dibattito politico a riguardo però è ancora freddo nonché fermo. Difficile, giustamente, far finta di niente dopo vent’anni di guerra. Tuttavia la storia è lunga e mutevole, non resta che attendere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 1 =