Telefono Azzurro: “È stato un errore, ci scusiamo”. Ritirata pubblicità choc

0
254
Telefono Azzurro
Foto dal profilo Facebook ufficiale del Telefono Azzurro

Telefono Azzurro, dopo innumerevoli polemiche, ha deciso di ritirare lo spot #primaibambini. La motivazione risiede nel malcontento scatenato dal contenuto del video. “Non intendevamo creare alcuna contrapposizione tra i bambini e le categorie vulnerabili” ha riferito la ONLUS sulla pagina Facebook ufficiale. 

Ti consigliamo come approfondimento – Regione Campania e screening scuola

Lo spot #primaibambini di Telefono Azzurro

Telefono AzzurroLa ONLUS Telefono Azzurro ha realizzato uno spot in occasione della Giornata Internazionale dell’Infanzia, che ricorre il 20 novembre. Le immagini ritraggono un incendio in un condominio. In uno degli appartamenti in fiamme, ci sono un uomo, due bambini e un cane. L’uomo non prova a salvare tutti ma prende in braccio solo il cane e va via, lasciando in casa i due bambini in lacrime. Il video termina con un messaggio: “Sembra impossibile? Eppure sta accadendo oggi”.

Nello spot abbiamo voluto utilizzare una metafora forte. L’uomo salva il cane non perché lo preferisca ai bambini: lo fa perché in quei terribili momenti concitati, è la sola cosa che vede. Proprio ciò che sta succedendo oggi, quando l’attenzione si concentra su singoli macro-temi legati all’emergenza, tralasciando un tema altrettanto fondamentale: la sicurezza di bambini e adolescenti, che risultano vittime invisibili della situazione attuale”.

Sono state queste le parole che Telefono Azzurro ha usato per difendersi dagli attacchi feroci ricevuti sui social nei giorni scorsi. L’associazione, infatti, ha ricevuto molte critiche da parte di animalisti (e non) sull’utilizzo della figura del cane. Il malcontento si è generato tra coloro che si sono sentiti additati perché si prendono cura dei propri animali. Altri, invece, hanno sottolineato che non è possibile mettere in contrapposizione i diritti di tutti gli esseri viventi. Per questi motivi, Telefono Azzurro ha ritirato lo spot da tutti i social media e dal web.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus famiglie 2020: tutti gli aiuti per le famiglie a basso reddito

Qual è stato il vero errore di Telefono Azzurro?

Telefono AzzurroNonostante le buone intenzioni di Telefono Azzurro, il popolo dei social ha messo in risalto tutte le carenze dello spot in questione. Prima fra tutte, porre una scelta tra i bambini e il cane. Entrambi sono categorie vulnerabili, da proteggere. Inoltre, i cani sono ormai considerati parte integrante e fondamentale delle famiglie. 

Nel video, l’uomo torna indietro quando sente il cane abbaiare accanto ai bambini. Ciò dimostra, ancora una volta, l’importanza della presenza di un cane in una famiglia. Gli animali, infatti, una volta riconosciuto il nucleo di appartenenza, tendono sempre a proteggerne i componenti. Infine, se un bambino guardasse questo spot potrebbe arrivare a pensare che in caso di pericolo l’adulto potrebbe scegliere di salvare solo il cane.

Ti consigliamo come approfondimento – Animali, come difenderli: ecco le pene previste dal codice penale

Telefono Azzurro si scusa, ma invita a non dimenticare i bambini

Telefono Azzurro
Dal profilo Facebook ufficiale di Telefono Azzurro

Non intendevamo creare alcuna contrapposizione tra i bambini e le categorie vulnerabili: sarà nostro impegno rimuovere il video, poiché abbiamo compreso che il coinvolgimento del cane ha turbato la sensibilità di molti e di questo ci scusiamo”. Questo il messaggio che si legge sulla pagina ufficiale Facebook di Telefono Azzurro.

La pubblicità choc è stata ritirata, ma l’associazione invita a non perdere di vista i diritti fondamentali dei bambini e dei ragazzi, soprattutto in questo periodo. Senza coinvolgere o discriminare altre categorie di esseri viventi, è sufficiente ricordare che i bambini sono la nostra più grande speranza e il nostro futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci − 6 =