Telegram crash: l’app non funziona per due ore. Panico fra gli utenti

0
482
telegram crash

Telegram crash: due giorni fa è capitato a Google, nella giornata di ieri a Poste Italiane, oggi è toccato a Telegram. Dalle 14:00 di oggi pomeriggio uno dei più noti servizi di messaggistica è down in tutta Italia.

Ti consigliamo come approfondimento – Google down: da Youtube a Gmail va in tilt il colosso di Internet

Telegram crash, che problemi dà l’applicazione?

telegram crashNel primo pomeriggio della giornata odierna, precisamente verso le 14:00, parte degli utenti ha segnalato il disservizio dell’applicazione Telegram. Pare che, come segnalato dai fruitori dell’applicazione, al momento dell’accesso non si riusciva ad accedere alla rete. Il problema è stato confermato anche dai gestori dell’app di messaggistica. Su Twitter hanno scritto che il problema è stato individuato e che ad essere state colpite sono l’Europa e il Medio Oriente.

Da segnalare, inoltre, anche qualche problema con l’app di Spotify.

Ti consigliamo come approfondimento – Poste Italiane in crash: sito fuori uso. Gli utenti impazziscono

Telegram crash, la segnalazione degli utenti

telegram crashEd è proprio su Twitter che l’hashtag #TelegramDown si è esteso a macchia d’olio, scalando in pochi minuti i Twitter trends. I tweet arrivavano dalle parti più disparate d’Europa. Le nazioni che sono state colpite dal disservizio sono state:

  • Italia;
  • Paesi dell’Europa;
  • La Russia.
Ti consigliamo come approfondimento – Pedopornografia nelle chat WhatsApp: video shock. 400 arresti in tutto il mondo

Telegram crash, si sta già risolvendo

Telegram crashUn aggiornamento arriva dal profilo Twitter ufficiale dell’applicazione. “Gran parte degli utenti sono tornati online”, recita. “Continuiamo a lavorare per garantire il nostro servizio a tutti gli altri. Non manca ancora molto”. 

Il problema che ha scatenato panico tra gli utenti sembrerebbe essere stato individuato e gli operatori di Telegram stanno facendo di tutto per fixare il problema quanto prima. Questa notizia si va a collocare con le altre due, di Google e di Poste Italiane, che nei giorni precedenti hanno dato non pochi problemi agli utenti. 

Arrivati a questo punto, verrebbe quasi da domandarsi: domani a quale disservizio andremo incontro? 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 2 =