Tempesta colpisce Pantelleria: il bilancio è di 2 morti e 9 feriti al momento

0
63
Tempesta colpisce Pantelleria

Tempesta colpisce Pantelleria: 2 morti e 9 feriti. Una terribile tromba d’aria ha colpito l’isola di Pantelleria nella serata di ieri. L’intervento dei Vigili del Fuoco e di alcuni volontari è stato immediato. La tromba d’aria ha devastato diverse zone e adesso si fa la conta dei danni.

Ti consigliamo come approfondimento-Nubifragio in Puglia, strade allagate e frane. Protezione Civile: “Non uscite”

Tempesta colpisce Pantelleria: la conta dei danni

puglia maltempo
Dall’account Twitter dei Vigili del Fuoco

Ieri sera una devastante tromba d’aria ha devastato l’isola di Pantelleria. Il bilancio del suo passaggio è di due morti e nove feriti. le operazioni di ricerca e soccorso sono continuate per tutta la notte. Alcuni volontari del gruppo comunale di Pantelleria, hanno coadiuvato i Vigili del Fuoco nelle operazioni di sistemazione delle strade. Infatti, sono state liberate le strade da alberi, cavi elettrici e pali della luce divelti. Le vittime sono Giovanni Errera, 47 anni, un Vigile del Fuoco, e Francesco Valenza, 86 anni, un pensionato. Dei nove feriti, sette sono stati dimessi, due, invece, sono ricoverati in osservazione. Si valuta se trasferirli in elisoccorso ad altri ospedali. In queste ore mattutine le Forze dell’Ordine e i Vigili del Fuoco, insieme ai sopravvissuti si sono dedicati alla conta dei danni. Sono state individuate vetture spazzate via dalla tromba d’aria e si stanno verificando le agibilità di alcuni edifici.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, maltempo colpisce la città: allagamenti e voragini in alcuni quartieri

Tempesta colpisce Pantelleria: alcune testimonianze

Le testimonianze di alcuni sopravvissuti e feriti sono davvero paurose. Un uomo, di nome Angelo, sotto shock, racconta: “Stavo chiudendo la finestra quando ho visto un albero quasi dentro casa mia. Non si era mai visto un evento del genere.” Domenico Caluori, un medico romano in pensione in vacanza sull’isola insieme alla moglie racconta: “Se io e mia moglie siamo salvi, lo dobbiamo alle cinture di sicurezza. Tornavamo da un bagno al Lago di Venere, quando ci siamo trovati davanti alla tromba d’aria. La macchina si è sollevata per qualche secondo, poi è caduta dal retro su massi di pietra lavica su di un pianoro. Siamo salvi perché ci trovavamo a margine del vortice”. I due coniugi, soccorsi in ospedale, hanno riportato solo lievi traumi alla testa, ematomi ed escoriazioni alle braccia. Alcuni ancora adesso chiedono notizie sui possibili dispersi, feriti o morti.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 − 13 =